Connettiti con noi

Hanno Detto

Adani: «Dopo due anni mi aspettavo un Allegri diverso. Mou, battilo così»

Pubblicato

su

Adani: «Dopo due anni mi aspettavo un Allegri diverso. Mou, battilo così». Le dichiarazioni dell’ex calciatore e opinionista

Lele Adani è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport per presentare Juve-Roma.

ALLEGRI CONTRO MOURINHO – «Mi aspettavo che dopo due anni Allegri si sarebbe ripresentato con una lettura calcistica diversa, invece è sempre lo stesso. Al contrario di Mou, che è cambiato nella proposta:prova a vincere, anche al costo di perdere. Roma-Sassuolo e il derby sono il manifesto di questa nuova filosofia, con cui produci tanto e concedi tanto, che tu vinca o che tu perda».

JUVE DI CONTROPIEDE? – «Andiamoci piano. in sfide così equilibrate è difficile che per 90’ una squadra tenga il pallino del gioco e l’altra stia chiusa. Ma di certo c’è più ricerca tra i giallorossi, almeno nelle intenzioni. Però stiamo attenti alla crescita della Juve: il secondo tempo contro il Toro è stato il migliore della stagione. Mi sembra che i bianconeri abbiano ritrovato lo spirito del loro allenatore, mettendo più pressione ai portatori palla avversari e questo facilita anche la fase offensiva, con transizioni rapide, proprio quelle che la Roma ha sofferto di più nelle prime giornate di campionato».

COSA DEVE FARE LA JUVE – «Cominciamo da cosa non deve fare: stare troppo bassa, per non rendere troppo ampia la porzione di campo da coprire per gli attaccanti. Se Chiesa deve sempre partire da 60 metri, poi è logico che si sfianca dopo un’ora. In questo senso, fondamentale è che Bentancur ripeta quanto visto per esempio contro la Samp, alzando costantemente la pressione sui mediani rivali. L’uruguaiano è bravo a farlo, mentre soffre se deve limitarsi a contenere e giocare la palla dal basso».

COSA DEVE FARE LA ROMA – «José deve restare fedele a quanto fatto sinora, ma senza avere fretta e dosando il ritmo. La Roma è in grado di attaccare in più modi: con gli uno contro uno, in profondità, ma anche tra le linee. Certo, ci saranno rischi da prendere, con Ibanez e Mancini che partecipano tanto alla manovra e ogni tanto sbagliano qualche lettura difensiva. Sono giovani, ci sta. Anche se la loro velocità sarà fondamentale per tentare di arginare gli strappi di Chiesa che è un solista eccezionale, come dall’altra parte Zaniolo».

CUADRADO FONDAMENTALE – «Senza un vero play come Arthur o un collettore come Ramsey, diventa Cuadrado il tassello fondamentale nel gioco della Juve, perché è l’unico capace di osare pause e accelerazioni. Io dico sempre che quello del regista non è un ruolo, ma un compito. Ecco, il colombiano anche se gioca sull’esterno è il vero regista della Juve attuale, perché il ritmo della squadra dipende da lui. Quando riceve palla sulla destra può puntarti uno contro uno e andare sul fondo, accentrarsi creando scompiglio in mezzo o verticalizzare alla ricerca della punta, perché ha la tecnica per farlo».