Agnelli: «Un terzo degli introiti del calcio arriva dai 12 club più ricchi»

andrea agnelli
© foto www.imagephotoagency.it

Ecco le parole del presidente dell’ECA Andrea Agnelli al World Football Summit di Madrid

Andrea Agnelli è intervenuto a Madrid in occasione del World Football Summit, in qualità di presidente dell’ECA. Ecco i temi affrontati.

TERZA COPPA EUROPEAStiamo lavorando all’introduzione della terza Coppa. E’ stata voluta fortemente dai club, al fine di poter avere maggiori possibilità di partecipare nelle coppe europee durante la stagione: stiamo lavorando con la Uefa. Stiamo anche valutando l’opportunità di ridurre le partecipanti all’Europa League, portandole da 48 a 32.

SVILUPPO DEL CALCIOSulla situazione attuale del calcio, Agnelli ha aggiunto: “Vogliamo maggiore equilibrio competitivo in questo fantastico sport, perché continui a rimanere lo sport più bello del mondo. Dobbiamo pensare a quale calcio vogliamo lasciare ai nostri figli. Negli anni ’70 e ’80, la Coppa dei Campioni veniva vinta da squadre come Ajax e Benfica. Ma adesso è difficile vedere club di questo calibro in cima al mondo a causa dell’enorme differenza economica coi club spagnoli, inglesi o tedeschi. Il nostro obiettivo è come ottenere anticipi per le leghe specifiche. Il calcio è cresciuto in maniera incredibile nell’ultima decade, la cosa che fa maggiormente la differenza sono gli introiti dai diritti domestici. Ma 1/3 degli introiti del calcio arriva dai 12 club più ricchi.

CALENDARI PESANTISappiamo che i calciatori non sono macchine, hanno bisogno di appropriati periodi di riposo. Il calendario delle partite del 2020 sarà la prima cosa da affrontare.

Articolo precedente
Mercato Juve, lo sponsorizza anche Deschamps: «E’ un vero leader» – VIDEO
Prossimo articolo
Arbitro Juventus Bologna: designato Mariani di Aprilia