Allegri: «Niente da rimproverare ai ragazzi. Bene la squadra arbitrale»

allegri
© foto www.imagephotoagency.it

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha parlato al termine dei quarti di finale di Coppa Italia contro l’Atalanta

Massimiliano Allegri, allenatore della Juventus, ha parlato ai microfoni di Rai Sport al termine dei quarti di finale di Coppa Italia giocata contro l’Atalanta. Ecco le sue parole.

DELUSIONE – «Non è successo niente, ai ragazzi non c’è da rimproverare niente, non so quante partite hanno vinto, è capitato nella serata storta, con la Lazio avevamo fatto un brutto primo tempo reagendo bene nel secondo, stasera è andato tutto storto. L’Atalanta ha meritato, aveva più forza mentale. Fin qui la squadra aveva fatto molto bene. Dispiace uscire, tenevamo a questo trofeo come al campionato e alla Champions. L’Atalanta ha fatto la sua partita. Il calcio è questo, ci sono anche queste partite. Bisogna ricaricare e sabato si gioca di nuovo».

ARBITRO – «Hanno fatto bene ad allontanarmi, c’è da fare i complimenti a tutta la terna, mi sono un pochino arrabbiato. Non chiedo mai niente, era la classica protesta, ma non è lì che abbiamo perso la partita. La squadra ha fatto 59 punti in campionato, le abbiamo sempre giocate fuori a parte col Chievo, sabato abbiamo una partita rognosa e difficile contro il Parma».

SCONFITTA – «Sono serate che ci fanno del bene, era nell’aria. L’anno sorso avevamo vinto con la Sampdoria, l’avevamo poi scampata con il Crotone e poi siamo caduti con il Napoli. Avevamo gente che rientrava dagli infortuni, mi dispiace per De Sciglio che aveva fatto bene da centrale».

CHAMPIONS – «Se questo dev’essere un campanello d’allarme per le altre squadre cos’è? Un campanaccio! Non si può sempre vincere, è impossibile. I ragazzi stanno tirando da quando sono partiti. Pjanic è rientrato, Mandzukic rientra, Khedira ha fatto 60 minuti. Preoccupazioni no, non avremo da giocare due semifinali di coppe e possiamo recuperare meglio le energie».

Il tecnico livornese ha poi aggiunto a JTV: «Nel calcio non puoi sempre vincere. L’avevamo già raccattata con la Lazio. Ci siamo fatti due gol per conto nostro. Loro vincevano tutti i contrasti con cattiveria e grinta. C’è da farli i complimenti».

PROTESTE – «Ho protestato su un mezzo fallo che però non ha determinato la partita».

CHIELLINI – «Ha un fastidio al polpaccio esterno, non dovrebbe essere nulla di particolare: Caceres non mi sono sentito di rischiarlo. De Sciglio aveva fatto una buona partita. Sono rientrati Khedira e Pjanic. Dopo tante trasferte è normale perdere un po’ di energie».