Connettiti con noi

Hanno Detto

Allegri sicuro: «Se giocano sempre gli stessi, il 15 gennaio ce ne vogliono altri 20!»

Pubblicato

su

Massimiliano Allegri ha parlato in conferenza stampa pre Juve Sassuolo di far riposare i giocatori. Le dichiarazioni

Intervenuto in conferenza stampa, Massimiliano Allegri ha parlato così di Chiesa pre Juve Sassuolo.

CHIESA«Anche secondo me è un giocatore di livello internazionale, ha giocato tanto e viene dall’Europeo. Ha un dispendio alto e veniva da partite giocate di seguito. Domenica, sbagliando, avevo letto la partita in un determinato modo mettendo Kulusevski su Brozovic. Poi non sapevo che quello tirasse con la deviazione e prendessimo gol. Ma ci sono tante partite, Chiesa non è andato in panchina per demerito: avevo letto la partita così. Poi è entrato bene con gli altri. Ma Chiesa è un punto fermo della Nazionale e della Juventus. Se giocano sempre gli stessi, il 15 gennaio ci vogliono altri 20. Li butto via. Dobbiamo giocare, si spera, 57 partite. Vengono da un anno e mezzo di Covid, giocando ogni tre giorni, poche vacanze. Sono ragazzi, non motorini: li accendi e partono? Devi lasciarli a riposo, è anche una questione mentale, ricaricare le energie. Capita a tutti di star fuori. Anche i difensori devo cambiarli. Danilo ha recuperato ad esempio. Se riesco a fare una gestione buona di tutta la rosa arriviamo in fondo così. Siamo finiti in crescendo a Milano e mi è piaciuto, abbiamo fatto fatica con l’Inter e lo ripeto, sono convinto anche se Inzaghi dirà di no, l’Inter è la favorita per lo scudetto. Poi nel calcio succede tutto: ma sono i favoriti. La Juve è andata a Milano abbiamo fatto meglio che con lo Zenit. Però poi se vado a Livorno mi dicono il contrario, lo dite voi… il calcio è opinabile. Per me a Zenit non s’è fatto una bella partita, con l’Inter sì. Tutto dipende dal valore dell’avversario che hai davanti. Tutte le cose non sono uguali. Non siamo uguali all’anagrafe, figuriamoci nel calcio, non c’è niente di uguale nella vita. Troppe considerazioni e il calcio è bello per questo: tutto è opinabile. Dopo. Non prima».

CLICCA QUI PER LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE DI ALLEGRI PRE JUVE SASSUOLO