Ancelotti: «La Juve verrà per chiudere, Allegri vede cose che altri non vedono»

ancelotti
© foto www.imagephotoagency.it

Il tecnico del Napoli parla in vista del big match del San Paolo contro la Juventus. Le parole di Carlo Ancelotti

Intervistato da La Stampa, Carlo Ancelotti ha presentati la sfida con i bianconeri soffermandosi su molti temi caldi in casa Juventus. Di seguito alcuni estratti delle parole dell’allenatore del Napoli.

FUGA JUVE – «Merito della Juve e demerito nostro. Loro sono sopra la media, noi dentro una media molto elevata. Abbiamo sbagliato poche partite e fatto un campionato buono, ma è un giudizio annacquato dalla straordinarietà della Juventus. Se è possibile competere? Certo, altrimenti non sarei venuto qui. Questa squadra può e deve riuscirci».

NAPOLI-JUVE – «Al di là del momento, difficilmente sbagliano certe partite. Verranno qui per chiudere la pratica scudetto sfruttando le loro caratteristiche: difesa solida, contropiede, agonismo, ve- locità. Non ci sono segreti tra queste due squadre. Certo se vincono possono pensare ad altro, se perdono devono stare ancora all’erta».

ATLETICO-JUVE – «Non mi aspettavo il risultato, ma quel tipo di partita sì. At- tenzione, aggressività: qualità che prescindono dal gioco. L’Atletico la mette sempre su quel piano, sono bravissimi. Come affrontare il ritorno? Forzare il gioco, tenerne il controllo con più lucidità. A Madrid la Juve ha provato a gestire la partita e con l’Atleti- co è rischioso: finisce sui loro binari e non la recuperi più».

RONALDO – «È molto motivato, concentrato su quanto deve fare. È sempre uguale. A lui non devi dire molto, è uno di quei giocatori che è meglio ascoltare».

CRITICHE AD ALLGRI – «È il nostro mondo. Perdi con l’Atletico e sei incapace, ma la re- altà è ben diversa. Allegri vede cose che gli altri non vedono e in- tende il calcio come me: gestisce una squadra in base ai giocatori».