Connettiti con noi

News

Audero oggi sfida la sua Juve. La partita del giovane portiere

Pubblicato

su

Emil Audero è in prestito dalla Juventus alla Sampdoria. Oggi sfida il suo passato, sperando di convincere Paratici a riprenderselo

La Juventus ha grande fiducia in Emil Audero. Il giovane portiere è stato ceduto in prestito alla Sampdoria, e in questa stagione sta facendo davvero grandi cose. Oggi è chiamato a sfidare il suo passato nel lunch match della 19esima giornata di campionato. E spera di fare bene per convincere Fabio Paratici a riportarlo a Torino. D’altro canto, la Sampdoria vorrebbe tenerlo. E già oggi, come riporta La Gazzetta dello Sport, il ds blucerchiato Osti potrebbe parlare con Paratici per definire un prolungamento del prestito.


Audero, l’accoglienza dell’Allianz Stadium

L’accoglienza dell’Allianz Stadium è stata un po’ fredda nei sui confronti. Anche i tifosi, però, sono  consci del fatto che potrebbe diventare uno dei giocatori per il futuro. La Juventus lo ha cresciuto e ripone grande fiducia in lui. Dopo un paio di stagione come terzo portiere, con anche l’emozione dell’esordio in Serie A, i bianconeri si sono resi conto di avere in rosa un talento. E l’anno scorso Audero è stato mandato in prestito al Venezia a farsi le ossa. Una stagione importante per lui, che quest’anno lo ha portato all’esperienza in Serie A. Con la Sampdoria Audero è stato addirittura il portiere meno battuto del campionato per un certo periodo, e adesso sogna con i suoi compagni la Champions League.


Audero, la sua partita

Prima dell’inizio del match, c’è da sottolineare il bell’abbraccio tra Audero e Mattia Perin, titolare dell’ultimo minuto visto il leggero infortunio di Szczesny. Poi il fischio iniziale, che toglie l’emozione e fa salire la concentrazione. Ma bastano pochi minuti a Cristiano Ronaldo per trovare il gol. Il tiro a giro del portoghese non sembra irresistibile ma il sole inganna il giovane portiere e la palla si insacca. Dopo un inizio difficile, la Sampdoria cresce e Audero viene chiamato poche volte in causa per tutto il resto del primo tempo.