Bernardeschi, da protetto di Sarri a bersaglio dello Stadium

Iscriviti
bernardeschi juve
© foto www.imagephotoagency.it

Bernardeschi, da protetto di Sarri a bersaglio dello Stadium. Deludente prima parte di stagione per il numero bianconero

E pensare che le prime parole di Maurizio Sarri da allenatore della Juventus su Federico Bernardeschi erano state queste: «A me lui piace, spesi parole importanti per questo ragazzo. Ha delle qualità che sono un comune denominatore dei grandi giocatori: la coordinazione. Gli manca un po’ di continuità, ed è nel momento in cui deve crescere in questo, specializzandosi in un ruolo».

A inizio 2020 il punto di vista di Sarri non dovrebbe essere cambiato più di tanto. Ad essere mutata è la considerazione che hanno molti tifosi bianconeri del numero 33. Impiegato quasi esclusivamente da trequartista in questa prima parte di stagione, l’ex Fiorentina non è mai riuscito a incidere, pur svolgendo un gran lavoro a livello quantitativo. L’anno nuovo dovrà restituire alla Juventus il miglior Bernardeschi e spazzare via quei fischi che lo Stadium gli ha riservato negli ultimi mesi.

Condividi