Bernardeschi esclusivo su Tuttosport: «Stregati da Ronaldo. Le tute di Matuidi…»

bernardeschi
© foto www.imagephotoagency.it

Imperdibile l’intervista esclusiva di Tuttosport a Federico Bernardeschi: tre pagine per scoprire il numero 33 bianconero, tra Cristiano Ronaldo, retroscena di spogliatoio e qualche segreto personale

Un Federico Bernardeschi così come non lo avevate visto mai. Sotto la lente d’ingrandimento della redazione di Tuttosport, che stamani pubblica in edicola un’intervista esclusiva al numero 33 della Juventus. «Siamo stregati da Ronaldo» il titolo principale all’interno del quotidiano sportivo diretto da Xavier Jacobelli, che ha confezionato ben tre pagine a conclusione della visita del giocatore all’interno della redazione di Corso Svizzera, a Torino. «La mentalità Juve era già mostruosa, con CR7 è cresciuta. E’ la nostra vera forza – ha spiegato il giocatore, svelando pure qualche retroscena – Mandzukic sembra un musone, ma scherza tanto. I veri comici però sono i tre portieri. E le tute di Matuidi sono mitiche». E poi ancora: «Il nostro spogliatoio contagia subito i nuovi con lo spirito e la fame di vittorie».

Su Ronaldo: «Cristiano è una persona eccezionale: un ragazzo umile e con una carica straordinaria che trasmette a tutto l’ambiente. E’ contagiosa, ti ispira. Ogni giorno io sto cercando di imparare come si diventa come lui». E sulla sua duttilità tattica«Cambio tanti ruoli perchè amo il calcio» ha detto «se Allegri spiega cose nuove chiedo di più. Merito della lampadina che accese Paulo Sousa».

Federico si è aperto anche su qualche segreto del tutto personale: «Sulla pelle scrivo la vita e le emozioni, ispirato da mia mamma. Il rock è la mia colonna sonora» ammettendo le sue passioni per «Led Zeppeling, tatuaggi e monument valley» e raccontando come «nel mio viaggio negli Usa di quest’estate mi sono anche commosso. Ho una collezione di maglie, un giorno le mostrerò ai miei figli».

Articolo precedente
Calcio femminile, prosegue la querelle tra Figc ed Lnd
Prossimo articolo
Squalifica Curva Sud: la Juventus studia il ricorso