Bernardeschi: «Voglio specializzarmi con Sarri, su Higuain…»

© foto www.imagephotoagency.it

Bernardeschi: «Voglio specializzarmi con Sarri, su Higuain…». Le parole dell’esterno offensivo della Juventus

Federico Bernardeschi ha parlato alla carta stampata.

SPECIALIZZAZIONE – «Mancanza di continuità ?Io non credo che questo sia un deficit mentale. I miei allenatori mi hanno sempre detto il contrario, che dovrei staccare di più, pensare meno. Dovrei giocare un po’ più libero. Piuttosto, credo sia una questione tattica. Durante una partita esco un po’ dal gioco perché, cambiando spesso ruolo, vado una volta di qua, una di là, una di su, una di giù. Ecco, specializzarmi può aiutarmi a trovare automatismi».

SARRI – «Lavoriamo con la palla, tanta palla a ritmi altissimi. Ora c’è un’identità di gioco molto importante, un atteggiamento differente da quello dell’anno scorso. Sarri ha metodologie diverse da Allegri e devo dire che ci stiamo trovando molto bene. Non credo ci fosse bisogno di un discorso, nella vita ognuno fa le sue scelte professionali e noi siamo veramente tanto felici di averlo in panchina».

DUELLO CON CONTE – «Il duello mi intriga. Sono felice che stiamo riportando gli allenatori migliori in Italia. Il campionato sarà una sfida. È bello, stimolante».

SERIE A E CHAMPIONS – «Si stanno creando tante squadre forti: Inter, Napoli, Roma, anche il Milan, l’Atalanta. Se devo scegliere, dico Napoli e Inter. In Champions invece credo che ogni anno possa essere quello buono: è questione di sfumature, dettagli, di quel pizzico di fortuna che devi costruire».

RONALDO – «Per segnare, Ronaldo segna sempre… Però credo che con un gioco più strutturato, con una squadra che sa esattamente che cosa deve fare, tutti gli attaccanti possano avere vantaggi. È la storia del mister».

HIGUAIN – «È sempre lui, il Pipita, un ragazzo molto bravo al di là del calciatore. È sereno. Non cono- sco le decisioni della società ma nel gruppo è straordinario».