Connettiti con noi

Hanno Detto

Bonucci: «Ho sempre creduto all’Europeo, si respirava un’energia diversa»

Pubblicato

su

Ad un mese dal successo dell’Italia all’Europeo, Leonardo Bonucci è tornato a parlare sull’impresa degli azzurri

Dopo un mese dalla vittoria dell’Italia agli Europei, Leonardo Bonucci ha raccontato a Sky Sport alcuni passaggi impostanti dell’impresa azzurra a Wembley.

SENSAZIONI – «Mentre ero in vacanza ho riguardato i gol in tv e mia moglie scherzando mi diceva che non mi avrebbero levato la coppa, perché era mia. In quei giorni eravamo uniti tutti sotto la stessa bandiera, non c’erano altre fedi. Gioire tutti insieme è stato qualcosa d’incredibile. Da quando sono partito per l’Europeo si sentiva che c’era qualcosa che poteva dire che sarebbe finita così».

GOL – «Quando ci siamo ritrovati in Sardegna mia moglie ha detto che si respirava un’energia diversa. Dall’11 giugno, poi, ho iniziato a pensare al fatto che potevo essere decisivo. Se non fosse stato in semifinale sarebbe stato in finale. Ci credevo fin dall’inizio in questa squadra, pensando che fin dall’inizio potevo e potevamo essere protagonisti in quest’Europeo. Alla fine ho segnato due rigori decisivi, un gol in finale e uno annullato nei quarti col Belgio. Sono stato migliore in campo in finale e per un difensore è difficile chiedere di in più».

OLIMPIADI – «Mi hanno scritto per messaggio che siamo stati l’esempio da seguire, e devo dire che l’Italia, come ha detto Malagò, è stata un grande esempio di come l’organizzazione funziona. A prescindere dagli ori, 40 medaglie alle Olimpiadi è un record storico. E’ stata un’estate italiana storica!».