Connettiti con noi

Hanno Detto

Braghin: «Così ho scelto la Juventus Women. E per il futuro…»

Pubblicato

su

Braghin: «Così ho scelto la Juventus Women. E per il futuro…». Le parole del responsabile della squadra

Stefano Braghin ha rilasciato un’intervista a Goal.

Le parole del responsabile della Juventus Women.

L’ARRIVO ALLA JUVE – «Sono arrivato allo Juventus nel 2012. Ho diretto la Primavera maschile fino al 2018, nel frattempo è partito il progetto femminile e poi ho dovuto scegliere tra i due. Ad un certo punto era necessario fare una scelta. Alla fine scelgo la squadra femminile. Sono da parecchio tempo nel club, ma da poco nel campo femminile. Nel 2015 la Federazione ha deciso che ogni club professionistico maschile doveva avere una squadra femminile. Era uno dei requisiti per partecipare alla Serie A al momento dell’iscrizione, quindi era proprio obbligatorio. Così siamo partiti di punto in bianco. Abbiamo organizzato degli open day. Una storia divertente è che al primo open day c’erano tre ragazze, una con le infradito. Si è partiti da qui e poi dopo sette anni abbiamo più o meno 200 giovani. Abbiamo nove squadre dall’under 9 all’under 19. Tutte le categorie sono in coperte. Ciò significa molto in 7 anni. Credo che stiamo offriamo loro un ottimo servizio, ma probabilmente significa anche che il calcio femminile sta crescendo molto velocemente nel nostro paese».

LA SCELTA DEL PROGETTO FEMMINILE – «Era qualcosa di veramente nuovo. Penso che ci fosse più futuro. Idealmente, dopo 25 anni in questo settore, sento davvero di poter essere più d’aiuto sul lato femminile nel trasferire ciò che ho imparato nella mia carriera, più che sul lato maschile. Probabilmente l’aiuto che posso dare ai ragazzi è inferiore a quello che posso fare per le ragazze. È un modo per restituire al calcio ciò che il calcio mi ha dato».

PIANI FUTURI – «Quello che ho chiesto è che nelle categorie inferiori, Under 9, Under 10, Under 11, bisogna fare ancora quantità. Perché in Italia abbiamo solo più o meno 30.000 giocatori iscritti e gli altri paesi ne hanno 300.000. Quindi, dai 9 al 12/13 anni, proviamo davvero a reclutare tutti coloro che vogliono giocare nel club. Poi, a partire dai 14 anni, quello che vorremmo fare – è alzare la qualità e iniziare ad avere dei rapporti con le squadre locali».

PROFESSIONISMO – «Si migliorerà in termini di sviluppo del gioco e, si spera, di sostenibilità, perché ora professionalità significa anche molti costi per i club. Non è stato sviluppato esattamente un piano aziendale su come sostenere tutto ciò. Sono un po’ preoccupato per come potrà funzionare senza l’aiuto degli organi di governo. Siamo un po’ in difficoltà in termini di numeri. Anche se siamo molto felici, ovviamente, per le nostre giocatrici».

ATTRATIVA SULLE BAMBINE – «Iniziano a imparare, a fare paragoni tra la Champions League maschile e quella femminile, a sperare un giorno di giocarci. Possono vedere le diverse fasi. Quando si gioca in certi stadi o con un determinato numero di spettatori. Le giovani calciatrici vogliono iniziare a giocare. I numeri stanno crescendo molto velocemente, a dire il vero. Ora dobbiamo essere bravi come sistema a mantenere alti gli standard e a farle crescere velocemente come giocatrici»

EUROPEO – «Speriamo che l’Italia faccia un buon Europeo. Hanno una squadra molto buona. Hanno un girone difficile perché sono con Islanda, Belgio e Francia. Ma credo che se supereremo almeno la fase a gironi, in una fase a eliminazione diretta la gente sarà molto interessata. Speriamo. La squadra è buona».

L’ESEMPIO DI CARUSO – «La giocatrice che ha più presenze nella Juventus è Arianna Caruso, che ha 22 anni. Ha iniziato a giocare qui a 17 anni e ha disputato 136 partite, quindi non abbiamo paura di dare la possibilità ai giovani. Quello che dico spesso nelle mie interviste è che non capisco davvero questa differenza che si fa tra giocatori vecchi e giovani, perché per me l’unica differenza nel calcio è buona o non buona. Se sei bravo e giovane ancora meglio. Nella prima partita di Champions League contro il Servette a Ginevra avevamo otto giocatori under 23 in campo. Per una squadra molto nuova, non è male».

BIANCONERE ALL’EUROPEO U19 – «Ce ne sono sette o otto, perché noi iniziamo da subito a investire sui giovani. Altri club – non dico che sia meglio o peggio – preferiscono andare magari a comprare giocatori stranieri e sono molto concentrati sulla prima squadra. Noi preferiamo pensare a un progetto a lungo termine. Certo, dobbiamo vincere perché quando sei in questo club devi vincere. Ma d’altra parte, lasciamo una parte del budget per giovani e partiamo da calciatrici nati nel 2003, e nel ’04, ’05, ’06, iniziamo a portare qui tutte le migliori calciatrici del Paese. La maggior parte di loro rimane ed è per questo che ne abbiamo molte. Credo che tutti i goal del girone di qualificazione siano stati segnati da giocatori della Juventus. È una buona cosa. Ora dobbiamo essere costanti perché la Juventus, fin dall’inizio, ha sempre fatto cose molto buone. Questa è la nostra prossima sfida».

Copyright © Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sportreview S.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.