Connettiti con noi

Hanno Detto

Braghin annuncia nuovi colpi: «Stiamo valutando questi profili»

Pubblicato

su

Stefano Braghin, Women’s Teams Director, ha parlato in conferenza stampa durante le presentazioni di Gunnarsdottir e Beerensteyn

Intervenuto durante le conferenze stampa di Gunnarsdottir e Beerensteyn, Stefano Braghin ha rilasciato queste dichiarazioni.

PAROLE«Abbiamo l’onore di essere allo Stadium ulteriore dimostrazione dell’importanza di questo progetto all’intero di questo club. Iniziamo la stagione più complicata, perché ripetersi è sempre difficile. Lo stiamo facendo da 5 anni, è qualcosa di straordinario, ma ripetersi è sempre complicato. È difficile confermarsi e vincere, perchè la vittoria ti seduce. La sconfitta ti porta all’autocritica e all’autoanalisi. Il grande rischio è di pensare che abbiamo capito tutto e che risuccederà solo perché è già successo, ma ogni anno è sempre più difficile. Sono le relazione che si vanno a creare all’interno di un gruppo sia in campo che fuori a fare la differenza. Tutti insieme dobbiamo relazionarci per vincere. Come dice sempre il nostro presidente la prossima vittoria sarà la più bella: questo è il nostro obiettivo anche se non sarà semplice. Veniamo da un’estate complicata, le ragazze dall’Italia vengono da una stagione molto lunga culminata con l’Europeo. Sono gli stessi giorni di ritiro che avevamo nel 2019, ma ora ci sono più partite. Ci siamo inventati un diverso tipo di preparazione con un morale un po’ da rigenerare per le italiane e forse le svedesi. Poi la concorrenza è migliorata: tutte le squadre italiane si sono migliorate e hanno investito molto. Sarà una stagione complicata ma anche entusiasmante. Io non amo partecipare al gioco dei favoriti: noi lavoriamo per fare in modo che a maggio saremo noi quel club che esulterà. A livello europeo vogliamo riconfermarci nella fase a gruppi, che non è costante ma è molto importante. In quest’ottica vogliamo migliorare il ranking europeo: sedici posti li abbiamo mangiati, ne restano ancora nove. I quarti di finale non sono semplici da raggiungere: vogliamo lavorare in quest’ottica. Sul mercato siamo intervenuti un po’ in tutti i settori. Abbiamo acquistato giocatrici più posizionali che statiche, giocatrici offensive duttili come Cantore, tornata da Sassuolo e Lineth, che viene da un grandissimo club come il Bayern e che dal giorno uno ha voluto la Juventus. Ci porta qualità e doti funzionali al nostro gioco, oltre ad una grande esperienza internazionale. Con Staskova c’erano caratteristiche diverse, ma aveva esigenze diverse quindi ci siamo separati. A centrocampo abbiamo aggiunto una delle giocatrici migliori a livello europeo come Sarah. Non stiamo riuscendo a trovare casa per tutte le sue coppe. Avevamo bisogno di esperienza, fisicità e qualità tecniche. In difesa pensavamo di non intervenire. Purtroppo però oltre a Salvai c’è anche Gama che è rientrata con un infortunio. Stiamo valutando profili europei giovani che volevamo per la prossima stagione e non è escluso che qualcuno possa già arrivare da noi subito. Sono molto contento che in prima squadra abbiamo tre ragazze del settore giovanile a testimonianza che uno scudetto in meno magari ma una giocatrice giovane in più è la nostra filosofia. Siamo in una fase in cui abbiamo bisogno di giocatrici italiani forte, e l’Europeo lo ha confermato».

CLICCA QUI PER LA CONFERENZA STAMPA DI GUNNARSDOTTIR DELLA JUVENTUS WOMEN

News

VIDEO

Copyright © Juventus News 24 – Registro Stampa Tribunale di Torino n. 45 del 07/09/2021 - Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione al n. 26692 Editore e proprietario: Sportreview S.r.l. Sito non ufficiale, non autorizzato o connesso a Juventus Football Club S.p.A. I marchi Juventus e Juve sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A.