Calciopoli, ufficiale: la Juventus presenta ricorso al Coni

andrea agnelli
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo la bocciatura della Cassazione, Juve pronta ad affidarsi alla giustizia sportiva. Depositati altri due ricorsi contro Calciopoli

Non è finita la battaglia della Juventus e del presidente Andrea Agnelli contro le vicissitudini di Calciopoli. La Cassazione non ha accolto il ricorso presentato dal club bianconero in merito allo scudetto 2005/2006, ma la battaglia legale non è finita qui. Secondo Il Corriere dello Sport Madama ha depositato altri due ricorsi, rispettivamente al Collegio di garanzia del Coni e al Tribunale nazionale della Figc, nel tentativo di scucire quello scudetto dal petto dell’Inter.

Nel pomeriggio è arrivato il comunicato ufficiale del Collegio di garanzia del Coni: «Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto un ricorso presentato dalla società Juventus Football Club S.p.A. contro la Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.), la società F.C. Internazionale Milano S.p.A. e il Comitato Olimpico Nazionale Italiano (C.O.N.I.) per l’impugnazione e la riforma del lodo definitivo pronunciato dal Collegio Arbitrale del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport del C.O.N.I. (T.N.A.S.), nel procedimento R.G. n. 1930/2011 TNAS, tra la Juventus Football Club S.p.A., la Federazione Italiana Giuoco Calcio (F.I.G.C.) e la società F.C. Internazionale Milano S.p.A., sottoscritto e depositato in data 15 novembre 2011, prot. n. 2621, con istanza di arbitrato presentata in data 10 agosto 2011, in cui il TNAS si era dichiarato incompetente a decidere in merito al provvedimento di revoca – assunto in data 26 luglio 2006 dal Commissario Straordinario FIGC Guido Rossi per motivi disciplinari – del titolo di Campione d’Italia alla Juventus per il Campionato di calcio di Serie A, s.s. 2005-2006, con corredata assegnazione alla società Internazionale di Milano».

Articolo precedente
matuidi bolognaBologna-Juventus Tim Cup, streaming LIVE e diretta TV: come vederla
Prossimo articolo
pistocchiPistocchi contro Allegri: «A volte sarebbe meglio chiudere la bocca»