Camoranesi: «Settimana scorsa sono andato all’allenamento della Juve. Ronaldo…»

camoranesi
© foto www.imagephotoagency.it

Mauro German Camoranesi, ex esterno della Juve, ha rilasciato un’intervista raccontando alcuni suoi ricordi del mondo bianconero

In un’intervista radiofonica rilasciata all’emittente argentina Club 947, ha parlato Mauro German Camoranesi. Di seguito riportate le dichiarazioni dell’ex giocatore della Juve.

GRUPPO WHATSAPP – «Ci sono tutti i ragazzi che hanno vinto il Mondiale e i due allenatori. È un gruppo in cui ci facciamo gli auguri di compleanno, è un gruppo tranquillo!».

MATERAZZI – «Tutto il mondo lo ama, io non ho giocato con lui, ma i compagni che lo hanno fatto lo adoravano. Profilo basso, molto tranquillo, un vincente ma anche uno che si arrabbiava facilmente. Non si accontentava di essere solo un gran giocatore. Se c’era da mettersi a litigare, lo faceva».

CRISTIANO RONALDO – «La settimana scorsa sono andato a un allenamento della Juventus per portare i miei figli a fare qualche foto. Cristiano è uscito dallo spogliatoio mezzo nudo e ho visto muscoli che non ho mai visto in vita mia. Il suo punto forte era la velocità. Giocavamo sulla stessa fascia e sapevo che dovevo accompagnarlo».

MESSI – «Colpirlo? Il problema è che non ci riuscivo! È un fenomeno».

RIBERY – «È uno di quelli che più mi ha complicato la vita. Molta fantasia negli spazi stretti, voleva sempre il pallone, calciava bene da fuori… Non bisognava farlo dribblare, non bisognava farlo tirare, con lui era un casino!».

ROBERTO CARLOS – «Con lui era divertente perchè attaccava e ti lasciava attaccare. Pensavi che avresti sofferto, ma quando la tua squadra recuperava il pallone lui ti lasciava almeno 30 metri di campo. E nell’uno contro uno non era poi così forte…».