Connettiti con noi

Hanno Detto

Carnevale ricorda: «Maradona si esaltava quando vedeva la Juve, si trasformava»

Pubblicato

su

L’ex attaccante del Napoli Andrea Carnevale ricorda le partite contro la Juventus del passato

Andrea Carnevale, ex attaccante del Napoli e ora osservatore dell’Udinese, in una intervista a La Gazzetta dello Sport ha parlato in vista del match tra gli azzurri e la Juventus; ricordando anche gli scontri del passato.

RICORDI MARADONA – «E come non potrei. Quando vedeva il bianconero, Diego si esaltava, si trasformava. Prima di scendere in campo ci abbracciava uno per uno, ci diceva che eravamo più forti, e che insieme ce l’avremmo fatta. Era in quei momenti che dimostrava tutta la grandezza, la sua umiltà». 

GOL ALLA JUVENTUS – «Qualche gol l’ho fatto alla Juve… Il primo, nel 3-5 al Comunale. Ma, forse, quello più importante fu il 2-0 che realizzai al San Paolo, nel quarto di finale di Coppa Uefa, che ci permise di andare ai tempi supplementari. E al 119’, Renica segnò il gol che ci portò in semifinale contro il Bayern Monaco. Fu il preludio alla finale e alla conquista del trofeo». 

NAPOLI-JUVE OGGI – «Il Napoli è forte, psicologicamente, in questo momento. Ma la Juve non può continuare a regalare punti che potrebbero diventare pesantissimi a fine campionato per le sue ambizioni. Allegri dovrà inventarsi la formazione tra infortuni e rientri all’ultimo momento dei nazionali». 

LE DICHIARAZIONI INTEGRALI SU CALCIONEWS24