Connettiti con noi

News

Chiesa-Juve e Pjanic-Barcellona affari sospetti: indagato l’agente Ramadani

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Chiesa-Juve e Pjanic-Barcellona affari sospetti: indagato l’agente Ramadani per evasione fiscale e riciclaggio

L’agente Fali Ramadani è indagato dalla Procura di Milano (lo è già in Spagna) per evasione fiscale, riciclaggio e autoriciclaggio. E ieri i finanzieri del nucleo di polizia valutaria della Guardia di Finanza hanno bussato alla porta di 9 club di A (Inter, Milan, Juve, Verona, Fiorentina, Napoli, Torino, Cagliari, Roma) e due di B (Frosinone e Spal) per acquisire le mail scambiate fra il procuratore e le società, che comunque non risultano sotto indagine. Ma non c’è nessun legame con l’indagine Prisma. 

Fra gli affari studiati anche il denaro versato per il passaggio di Chiesa dalla Fiorentina alla Juventus e per quello di Pjanic dal club bianconero al Barça, sarebbero stati versati dalle società su conti correnti di filiali milanesi intestati a Ramadani o a società a esso riconducibili. A quel punto il denaro sarebbe stato girato verso alcune società estere sempre rispondenti al procuratore, sparse per tutta Europa, da Dublino a Malta, dalla Gran Bretagna alla Bulgaria. Una geografia illecita secondo il pm Giovanni Polizzi e il procuratore aggiunto Maurizio Romanelli, convinti che questi passaggi siano avvenuti eludendo il fisco fino al punto di immaginare un’evasione di almeno 7 milioni, attraverso «una stabile organizzazione occulta».