Cobolli Gigli: «Sarri alla Juve fatto scellerato, speravo non avvenisse»

© foto www.imagephotoagency.it

L’ex presidente bianconero Cobolli Gigli ha parlato dell’arrivo di Maurizio Sarri sulla panchina della Juve: le sue parole

Cobolli Gigli, ex presidente bianconero, ha commentato l’approdo alla Juve di Sarri ai microfoni di Radio Kiss Kiss.

SARRI«Da tifoso speravo che questo fatto scellerato non avvenisse. Il Sarrismo era qualcosa di forte a Napoli, ma criticava la Juventus. Io ho la memoria, ricordo tutto ciò che ha detto e ha fatto. Ormai però i giochi sono fatti, bisogna mettere Sarri alla prova dei fatti. È un allenatore indiscutibile, come qualità di gioco».

GIOCO – «A me non dispiaceva il gioco di Allegri, ma ora ci sarà un gioco diverso. La Champions League è diventata una chimera. Io non dimentico che fino a un mese fa diceva di stare benissimo in Premier, che non aveva intenzione di tornare in Italia. Nella mia testa, dunque, lo metterò alla prova, mi auguro che comunichi da allenatore della Juve, non da Sarri. Spero che abbia lo stile giusto, anche quando ci sarà da ammettere che la squadra non ha fatto bene, e non trovare scuse come a Napoli».