Sassuolo, De Zerbi: «Contro la squadra più forte, dobbiamo giocare con coraggio»

de zerbi
© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa della vigilia per mister Roberto De Zerbi. Ecco le sue dichiarazioni prima della sfida tra Sassuolo e Juventus

Intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match con la Juventus, Roberto De Zerbi ha presentato così il match in programma domani al Mapei Stadium.

JUVENTUS – «Partita contro la squadra più forte. Ci stiamo preparando bene e dobbiamo pensare a non togliere niente a quello che sappiamo fare per fare risultato. Dobbiamo fare una gara di coraggio, cercando di limitare le disattenzioni e le situazioni da cui loro possono trarre vantaggio. Noi però dobbiamo pensare a noi e dobbiamo rispettare le nostre caratteristiche e anche domani dobbiamo cercare di fare la partita, di difenderci bene, ma anche di proporre, attaccare, rischiare qualche giocata nelle situazioni dove ci sarà da rischiare, facendo risaltare le qualità dei nostri singoli».

IN CAMPO – «Accorgimento tattico? No a due portieri, giochiamo sempre con uno. Difendere bene vuol dire che non togliamo niente alla mentalità ma cerchiamo di migliorare l’ordine, il sacrificio, la chiusura di alcuni spazi che potrebbero agevolare loro, cercando di limitare tutto quello che è nelle nostre possibilità. E’ chiaro che quando incontri questo tipo di squadre c’è la giocata del campione e questa difficilmente la riesci a tenere ma questa è una parte della partita, l’altra è quando abbiamo la palla noi e dobbiamo giocare con coraggio, gusto, con la voglia di divertirsi e attaccare».

 INFORTUNATI – «Ci sono tante strade per arrivare al risultato e io credo che con l’organizzazione sia più facile arrivare a risultati. Infortunati? Non ci sarà Duncan squalificato. Magnanelli ha recuperato in tempi record, Marlon e Sernicola ancora non ci sono. Berardi non si allena bene? Non parlavo solo di lui e parlavo in generale. Se l’ultimo passaggio si sbaglia 8 volte su 10 in allenamento, in partita 8 volte le sbagli. E se, tutti assieme, tutti i giocatori riescono a considerare importante l’allenamento abbassando la percentuale d’errore poi te lo ritrovi in partita. In allenamento tendi ad essere un pochino superficiale, tutti, non Berardi. Se devo dire una cosa a Domenico la dico io e lui da solo. Djuricic e Sensi giocano».

DEMIRAL – «Demiral? L’ho visto bene. E’ sveglio, sono contento che sia con noi. E’ veloce, fisico, tecnico, conosce il gioco. Sarebbe pronto se Magnani non stesse facendo così bene, ma avere Demiral che si sta integrando così velocemente è importante perché per recuperare Marlon ci vorrà ancora del tempo e servirà anche lui».

RONALDO – «Cristiano Ronaldo? Noi cerchiamo sempre di adattarci, a maggior ragione a campioni. I giocatori di qualità degli avversari cerchiamo di limitarli ma non facciamo tutta la settimana cercando di limitarli, ci soffermiamo tanto su quello che possiamo determinare noi. Quando hai la palla tu puoi determinare e la conoscenza facilita tutto questo».