Allegri: «Serve partita lucida, Cristiano Ronaldo sarà titolare»

© foto www.imagephotoagency.it

Conferenza stampa Allegri: il tecnico bianconero parla alla vigilia del match valido per i quarti di Champions League contro l’Ajax

Arriva la Champions: Massimiliano Allegri parla in conferenza alla vigilia del match contro l’Ajax dalla sala stampa della Johan Cruijff Arena.

Il tecnico livornese si presenta davanti ai giornalisti nel martedì di vigilia del match contro i lancieri sviscerando tutti i temi in avvicinamento alla gara valida per i quarti di finale di andata. Tutte le sue dichiarazioni.

BOTTI DAVANTI ALL’ALBERGO DELLA JUVE – «I nostri giocatori non dormono lo stesso, non c’è problema».

RONALDO – «Cristiano si è allenato bene con la squadra, a meno che non succeda qualcosa domani sarà titolare».

AJAX – «È una squadra forte che ha eliminato il Real e che ha giocato alla pari col Bayern. Ci sono state due finali con loro e per noi è il primo dei due match per andare in semifinale. Sarà una una partita aperta che difficilmente terminerà 0-0. Dobbiamo essere lucidi».

AJAX COME ATLETICO? – «Domani è una partita diversa, l’Ajax gioca completamente diverso. L’errore di Madrid è stato uscire dalla partita e pensare dopo la loro traversa di aver scampato il pericolo. Poi al ritorno la squadra ha fatto una grande partita, ma non pensiamo di uscire domani senza fare gol e ribaltarla di nuovo a Torino. Pensiamo a porre le basi per passare il turno. L’Ajax su 20 partite in casa ha perso solo una volta, col Real, è una squadra molto aggressiva, quindi servirà una partita fisica sul piano dei contrasti e dei duelli aerei».

PARTITA – «Giocheremo per avere la palla. Quando ce l’avranno loro dovremo fare bene la fase difensiva perché poi loro diventano vulnerabili. Tre centrali? Ne ho solo due. Abbiamo preparato la partita lavorando sui loro punti di forza. Saremo aggressivi e dovremo essere bravi a sfruttare gli spazi».

REAL – «Ha insegnato che le partite vanno sempre giocate con attenzione e che dovremo correre molto verso la loro porta».

PARTITE DI ANDATA DIFFICILI – «Le partite sono fatte di dettagli, noi dobbiamo essere bravi. Serve una prestazione attraverso la quale ottenere un risultato importante. Se speculiamo, soccombiamo. Domani sarà una partita aperta».

CENTROCAMPISTA – «Uno tra Khedira e Bentancur».

RUGANI – «Daniele è uno dei giovani più bravi in Italia, uno dei migliori difensori in Europa. I difensori italiani hanno conoscenze superiori. Non c’è Chiellini e dispiace soprattutto a livello numerico».

RIENTRI – «Emre Can speriamo torni per il ritorno, Bentancur è tornato in buona condizione. Khedira non pensavo avesse i 70 minuti fatti sabato. Ha dimostrato di essere un giocatore di grande spessore. Bentancur è più dinamico ma pecca di esperienza, domani può fare bene negli uno contro uno. Douglas Costa è recuperato e in partite come queste può essere determinante. Mi spiace che Cuadrado sia fuori lista Champions, ma in quel momento non avevo garanzie sui risultati. Ho chiesto al presidente la possibilità per il futuro di inserire ad aprile un nuovo giocatore in lista».

DYBALA – «È talmente bravo, ha dei numeri impressionanti. Oggi ha fatto un grande allenamento e a livello mentale e fisico si sta riprendendo. È uno dei più bravi del calcio mondiale».

CHIELLINI – «Per il ritorno? È 1X2»

BERNARDESCHI – «Sabato ha giocato bene soprattutto nel secondo tempo. Io gli rompo spesso le scatole: deve essere ancora più decisivo e deve sbagliare meno passaggi. Giocare in una grande squadra non è semplice. È questione di un percorso che i giocatori devono fare a livello di concentrazione. Il Chiellini di 24 anni non è quello di ora. Bisogna che i giocatori vengano fuori. Anche quando giocano una prestazione non importante si nota la differenza tra chi gestisce e chi sbaglia».