Ecco perché Marchisio dovrebbe restare alla Juventus

marchisio
© foto www.imagephotoagency.it

L’età, la qualità e l’esperienza: tre buoni motivi per cui Marchisio dovrebbe restare alla Juventus per evitare il rischio che si rilanci altrove

Con l’addio di Buffon, che ha lasciato la Juventus dopo ben 17 stagioni, e quello di Lichtsteiner, i cosiddetti senatori in casa bianconera si possono contare sulle dita di una mano. Sono soltanto tre, infatti, i giocatori presenti in rosa che hanno vinto tutti e 7 gli scudetti conquistati da Madama nell’era post-Calciopoli: Giorgio Chiellini, Andrea Barzagli e Claudio Marchisio. Se per i primi due il rinnovo è diventato realtà (Chiellini per altre due stagioni, Barzagli per un anno), non si può dire lo stesso per il Principino, il cui futuro è ancora un rebus. Il numero 8 bianconero viene da due stagioni complicate. La rottura del crociato nell’aprile del 2016 ha interrotto l’ascesa del centrocampista torinese che era nel pieno della sua carriera. Allegri nell’annata post-infortunio lo ha centellinato per permettergli di ritrovare uno stato di forma ideale. Ma l’arrivo la scorsa estate di Matuidi ha ulteriormente ridotto gli spazi per Marchisio, che ha trascorso la maggior parte della passata stagione in panchina.

Da titolarissimo a quarta-quinta scelta

Questa la parabola discendente vissuta dal Principino dal 2016 ad oggi. Allegri non riesce più a dargli fiducia e per questo sicuramente Claudio avrà quantomeno preso in considerazione l’idea di lasciare la Juventus in questa sessione di mercato. Le offerte di certo non gli mancano ma è cresciuto con il bianconero addosso e l’ipotesi di chiudere la carriera a Torino al momento sembra prevalere.

Marchisio, cuore bianconero: quale futuro?

L’acquisto a parametro zero di Emre Can, di certo, non agevolerà Marchisio a tornare nel rango dei titolari ma Allegri prima di etichettarlo come un ex giocatore dovrebbe pensarci bene. Il numero 8 bianconero ha infatti solo 32 anni e se Cristiano Ronaldo (che di anni ne ha 33) può ancora giocare ad alti livelli almeno per 4 anni, perché non dovrebbe farlo Marchisio? Non dobbiamo dimenticare che Andrea Pirlo, dopo essere stato scaricato dal Milan, è approdato alla Juventus all’età di 32 anni e con la maglia bianconera ha vissuto una seconda giovinezza diventando un punto fermo della squadra. Al Principino la qualità di certo non manca, così come l’esperienza. Per rilanciarlo potrebbe bastare una buona dose di fiducia e qualche panchina in meno, soprattutto nelle partite che contano. Il rischio che si possa rilanciare altrove è elevato. Meglio non correrlo. Marchisio potrebbe diventare un nuovo importante acquisto, in una stagione che si preannuncia ricca di impegni.

Articolo precedente
Dal Brasile: «La Juventus ha offerto 30 milioni per Alex Telles»
Prossimo articolo
Primavera, 5 i giocatori svincolati: tutti i nomi