Endt presenta Gravenberch: «Ecco perché la Juve dovrebbe prenderlo»

Iscriviti
© foto Youtube

David Endt, ex team manager dell’Ajax, ha parlato di Gravenberch, giovane talento seguito dalla Juve. Le parole

L’ex team manager dell’Ajax, David Endt, ha parlato a Tuttosport di Gravenberch, gioiellino seguito dalla Juve. Le sue parole.

GRAVENBERCH – «Ryan è un centrocampista, ma il livello e lo spessore è uguale a De Ligt. Gravenberch diventerà un top assoluto. Ha le gambe lunghe, come Pogba. Alle somiglianze fisiche si aggiungono quelle tecniche: il centrocampista dell’Ajax è un talento assoluto, puro».

PARAGONI – «Fidatevi di me, che ho visto debuttare Seedorf e tantissimi altri campioni nell’Ajax: Gravenberch è un 2002 precoce perché ha qualcosa di speciale. È un diamante e miglior più si alza il livello, come sta dimostrando in Champions League. Negli ultimi dodici mesi ha bruciato le tappe a suon di progressi, è già nel giro della nazionale maggiore. È un centrocampista totale, in quel reparto può giocare ovunque. E’ dinamico, ha senso dell’assist e fiuto per il gol. Diventerà un top in mezzo al campo, ma in futuro non mi stupirebbe vederlo impiegato anche più avanti da attaccante».

MEGLIO ALLA JUVE O AL BARCELLONA«Si adatterebbe a entrambi gli stili di gioco. La scuola Ajax facilita l’inserimento nel Barça, ma con la sua fisicità si integrerebbe benissimo anche in Italia e nella Juventus. Io spero resti in Olanda ancora uno o due anni per maturare nell’Ajax, con meno pressioni. Ma di sicuro chi prenderà Gravenberch metterà a segno un super affare».

LEGGI ANCHE: Kulusevski «futuro top player della Juve»: è il pensiero fisso dello svedese

Condividi