Futre: «Cristiano Ronaldo fenomeno. Niente paragoni con Joao Felix»

cristiano ronaldo
© foto www.imagephotoagency.it

Paulo Futre, ex giocatore dell’Atletico Madrid e portoghese, parla della sfida con la Juve e dei connazionali Ronaldo e Joao Felix

Atletico Madrid-Juve sarà anche la sfida stellare tra Joao Felix e Cristiano Ronaldo. I due portoghesi si incontreranno in un match che si prospetta ricco di emozioni e forse anche di gol. Proprio di questo ha parlato Paulo Futre, ex colchoneros e portoghese come i due talenti, sulle pagine de La Gazzetta dello Sport.

JOAO FELIX«Se tutto va bene, se non si mettono di mezzo infortuni, io vedo Joao Felix vincere il Pallone d’Oro in 4-5 anni. E salire sul podio in 2-3. Ha tutto per farlo: idee calcistiche da fenomeno e margine di crescita, ha solo 19 anni. Detto questo, ci vuole calma e il paragone con Ronaldo dev’essere evitato: Cristiano ha vinto 5 palloni d’oro, non si può mettere tanta pressione su Joao iniziando già a compararlo con Cris. L’accostamento sarebbe giusto per entrambi».

RONALDO«Ho esaurito le parole. Sono stufo di ripetere sempre le stesse cose: genio, fenomeno, unico, impressionante… Per i portoghesi che iniziano a giocare a calcio, quindi anche per Joao Felix, è il punto di riferimento, la guida, l’esempio. Pensate come può essersi sentito Joao il primo giorno che l’ha visto in Nazionale. Ronaldo è un combattente, sa solo quando smetterà, quel giorno il suo posto potrà essere occupato da lui o da Bernardo Silva».

ATLETICO MADRID JUVE «Rivincita? Solo sulla carta perché le squadre sono molto diverse. L’Atletico ha cambiato tantissimo, facendo un gran mercato. La Juve pur mantenendo più o meno gli stessi è passata da Allegri a Sarri, una mutazione significativa. Le vedo passare entrambe agli ottavi».

JUVE«Mi ha sorpreso il black-out sofferto contro il Napoli, non è da loro. Sarri si è sicuramente arrabbiato. Detto questo la Juve è sempre la Juve, una delle favorite per il successo finale in Champions. Con Cristiano non potrebbe essere altrimenti».