Connettiti con noi

Hanno Detto

Giletti: «Dybala? Gli anni passano, faccia il salto di qualità. Su Vlahovic…»

Pubblicato

su

Giletti: «Dybala? Gli anni passano, faccia il salto di qualità. Ecco cosa penso su Vlahovic e sulla corsa scudetto»

Intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera nel corso della trasmissione “Fuori di Juve“, il giornalista e conduttore tv Massimo Giletti ha parlato della Juventus. Di seguito le sue parole.

PASSIONE – «Io cerco di seguire la Juve anche quando capita di essere in diretta. Ricordo una finale di coppa intercontinentale, ero in diretta e non sono riuscito a trattenermi. Segnò Del Piero e feci un gesto di esultanza. Poi negli anni ho imparato a trattenermi».

SCUDETTO – «Quest’anno Inter, Milan e Napoli sono a un livello molto alto, vincono anche se non giocano bene. In Napoli-Juve non ho visto una supremazia così alta degli azzurri. Secondo me se la Juve recupera il senso di squadra se la può giocare».

DYBALA – «Possiamo pensare che non sia un fenomeno. È un grande giocatore per cui ormai da tempo si aspetta il salto di qualità. Deve avere il carisma che hanno solo i campioni, questa è la grande scommessa. Gli anni passano, questo è il momento in cui deve trovare la continuità».

CHIESA E LOCATELLI – «Sono i giocatori su cui deve puntare la squadra per il presente e per il futuro. Kulusevski ancora non ha convinto, alterna momenti molto belli ad altri di errori clamorosi. Allegri su questo, essendo un tecnico esperto, potrà ottenere qualcosa da questi ragazzi. Questo comunque non è un centrocampo da squadra leader e che domina. Se perde una delle due pedine tra Locatelli e Bentancur va in difficoltà. Abbiamo commesso degli errori prendendo Rabiot e Ramsey».

VLAHOVIC – «C’è questa occasione, io penso che oggi da un vero centravanti non si possa prescindere e quel tipo di giocatore noi non l’abbiamo da tempo. Sicuramente Vlahovic è il tipo di giocatore che può servire alla Juventus».

ALLEGRI – «Secondo me visto il momento di rivoluzione in casa Juve è stato giusto prendere un allenatore che conosce bene l’ambiente. Al momento il bilancio è in sofferenza, mi piacerebbe continuare a scoprire talenti interessanti».