Connettiti con noi

Hanno Detto

Gravina ammette: «Non dimenticherò mai questa cosa di Bonucci e Chiellini»

Pubblicato

su

Gabriele Gravina, presidente della FIGC, ha rilasciato un’intervista, parlando così dell’Europeo vinto dall’Italia

Gabriele Gravina racconta a Il Corriere della Sera la straordinaria vitoria dell’Italia ad Euro 2020.

ITALIA CAMPIONE D’EUROPA«Sono orgoglioso perché questo successo viene da lontano. Quando sono arrivato in Figc, nel 2018, abbiamo rivisitato l’intero Dipartimento, provando a cambiare la mentalità e cercando di organizzare la Nazionale come un club. Dopo la cocente delusione per la mancata qualificazione al Mondiale in Russia dovevamo raccontare una nuova storia agli italiani, puntando sui giovani. Ed è una storia bellissima. Mancini è l’interprete perfetto per il nuovo rinascimento azzurro».

COSA LO HA IMPRESSIONATO«Ogni componente di questo gruppo ci ha insegnato qualcosa. A cominciare da Pellegrini, che ci ha dovuto lasciare alla vigilia dell’esordio per un infortunio. Nessuna individualità è stata anteposta agli interessi del collettivo: questo ha fatto la vera differenza. Il volto sorridente di Insigne è la fotografia della gioia di stare insieme. Ma non dimenticherò neppure la sicurezza con cui Chiellini e Bonucci ci hanno guidato, l’affettuoso Florenzi che appoggia la testa sulla mia spalla e la generosità di Sirigu sempre pronto a supportare i compagni».

ANEDDOTO – «Sono riuscito a sfuggire alla doccia fredda che mi aveva promesso Florenzi e questo mi rende orgoglioso (ride, ndr). Scherzi a parte credo che con la docu-serie poche cose siano rimaste nascoste. Sogno azzurro è un altro progetto vincente, che dimostra il senso di innovazione della Figc. E poi ci sono le risate, le lacrime e tutti gli sguardi che sono serviti a formare un gruppo straordinario».

CONTINUA A LEGGERE SU CALCIONEWS24

Continua a leggere
Advertisement