Connettiti con noi

Radio Bianconera

Iuliano a RBN: «Per la ripresa io farei sempre il contrario della Francia»

Redazione JuventusNews24

Pubblicato

su

iuliano

Mark Iuliano, ex difensore della Juve, ha parlato a Radio Bianconera di alcuni argomenti tra cui la ripresa del campionato e le coppe europee

Mark Iuliano, ex difensore della Juve, è intervenuto ai microfoni di Radio Bianconera durante la trasmissione Stile Juventus. L’ex bianconero ha parlato della ripresa del campionato, ma anche delle coppe europee e di Matthijs de Ligt.

SENSAZIONI – «In questi giorni ne abbiamo sentite di tutto e di più. In questo momento c’è un barlume di luce, le squadre cominciano a preparare gli allenamenti e noi speriamo che si riparta. Sensazioni? Qualche giorno fa avrei detto che non si sarebbe ripartiti, soprattutto sentendo il ministro dello Sport che sembrava osteggiasse questa ripartenza. A volte certe dichiarazioni non sono la cosa migliore, poi sembra aver cambiato idea e aver capito che non si può dire di no a un movimento così grande che dà tanto a tante persone. La speranza è che ci sia la possibilità di finire questo campionato. Chiaramente la salute è la prima cosa, ma se fai andare la gente ad allenarsi nei parchi a questo punto in un centro sportivo è più sicuro, soprattutto con i tanti controlli. Io farei sempre il contrario di quello che fa la Francia, quindi se la Francia chiude io aprirei. Sembra sempre che gli altri siano meglio di noi. Ora le parole devono lasciare il posto ai fatti».

RIPRESA – «Se parliamo di atleti ad altissimo livello la condizioni psicologica è importante, ma c’è da salvaguardare anche quella atletica. Bisognerà giocare ogni tre giorni per finire il campionato, già in condizioni normali non è facile, figurati dopo due mesi di stop. Fortunatamente abbiamo tanti ottimi professionisti che vedranno il da farsi. Chiaramente le rose più ampie saranno agevolate».

COPEE EUROPEE – «Al momento tutti i Paesi sembrano andare verso la ripresa tranne la Francia, c’è da capire come arriveranno le francesi. A noi juventini non piace essere avvantaggiati, vogliamo giocare alla pari. La Juve sicuramente è favorita per la rosa ampia che ha. Tutti facciamo il tifo perché si riparta, vediamo se la ciambella esce col buco».

DE LIGT – «Abbiamo già visto in diverse partite i suoi miglioramenti, l’ambientamento non è facile. L’Ajax è una fornace di giovani talenti, ognuno deve brillare per sé e a volte non si esalta il collettivo. È un talento straordinario come ce ne sono stati altri che sono andati al Barcellona e in altri grandi club. Chiaramente c’è stato bisogno di un adattamento, ma alla Juve sei comunque facilitato anche se hai tante pressioni in una grande squadra. Lo ha aiutato anche la presenza di Demiral che sicuramente avrà accelerato la sua maturazione sapendo di avere concorrenza. Adesso stavamo vedendo un De Ligt da Juve».

Continua a leggere
Advertisement