Juventus Parma, doppi ex granitici: Fabio Cannavaro e Lilian Thuram

thuram
© foto www.imagephotoagency.it

Nel corso degli anni 2000 la Juve acquistò dal Parma due giocatori diventati icone del popolo juventino: Fabio Cannavaro e Lilian Thuram

FABIO CANNAVARO – Nato a Napoli il 13 settembre 1973, Fabio Cannavaro cresce nella squadra della sua città, con la quale esordisce in Serie A proprio contro la Juventus nel 1993 con allenatore Marcello Lippi che ritroverà nella Juve ed in Nazionale. Nel 1995 viene ceduto al Parma realizzando 212 presenze condite da 4 reti e vince Coppa Italia, Coppa Uefa e Supercoppa Italiana. Diventa poi capitano del Parma, alzando con questo ruolo la Coppa Italia del 2002.

Dopo una stagione con l’Inter si trasferisce alla Juventus nel 2004 per due stagione in cui sarà anche capitano della nazionale italiana Campione del Mondo in Germania 2006. In questo stesso anno vince il pallone d’oro. Andato via dalla squadra bianconera in seguito allo scandalo di Calciopoli, vi ritornerà nella stagione 2009/2010 totalizzando 128 presenze e 7 reti. Ad oggi è allenatore in Cina al Guangzhou Evergrande, ritornatovi dopo una prima esperienza nello staff di Marcello Lippi.

LILIAN THURAM – Arriva al Parma nel 1996. Con i gialloblu vince la Coppa Uefa, la Coppa Italia nel 1999 e la Supercoppa Italiana nel 2000, sfiorando più volte lo scudetto. Raccoglierà 163 presenze segnando un solo gol. Era soprannominato “pantera nera” per la sua prestanza fisica e la sua velocità in progressione, della capacità di leggere le palle avversarie. Nel 1998 diventa Campione del Mondo.

Intanto, al Parma aveva costruito un buon rapporto con Ancelotti, tanto da trasferirsi alla Juventus nel 2001 per 75 miliardi di lire, voluto fortemente da Luciano Moggi che aveva battuto la concorrenza  della Lazio. Diviene quindi bianconero insieme ad un altro grande giocatore del Parma di quei tempi, Gianluigi Buffon che diventerà poi il numero 1 della Juventus. La particolarità fu che al suo arrivo non c’era più Ancelotti ma, Marcello Lippi.

Ottiene grandi risultati: lo scudetto 2001-2002 passa anche attraverso la sua maturazione tattica, che nella stagione in corso lo porta a giocare a livelli ancora più alti. Ne vince altri 3 proclamandosi titolare inamovibile della difesa juventina insieme con Cannavaro anche lui arrivato dal Parma. Nel 2006 si trasferirà al Barcellona.