Caos tappetini pubblicitari, la Juventus fa un passo verso la Lega

© foto www.imagephotoagency.it

Ieri in Lega Calcio si è parlato ancora una volta del nodo per i tappetini pubblicitari dietro le porte dello Juventus Stadium. E la Juve fa un passo indietro

Continua la querelle tra la Juventus e la Lega Calcio sul nodo dei tappetini pubblicitari da mettere dietro le porte. La Lega, infatti, ha un contratto con Tim che obbligherebbe le squadre di Serie A ad usare solo il logo della compagnia telefonica. La Juventus, dal canto suo, vuole difendere il diritto di “addobbare” il proprio stadio ognuno come vuole. Già nelle passate settimane si era arrivati allo scontro, e ieri c’è stato un nuovo capitolo.

Durante la riunione della Lega Calcio, infatti, si è parlato ancora una volta di questi tappetini virtuali da piazzare dietro le porte. Entrambe le parti hanno di nuovo sottolineato e difeso la propria posizione ma, in questo caso, la Juventus ha concesso un piccolo passo verso le esigenze della Lega: come riporta La Stampa, i bianconeri avrebbero infatti proposto l’accettazione della vendita collettiva con Tim a patto di poter gestire autonomamente la pubblicità fuori dall’Italia. Una mossa che potrebbe accontentare entrambe le parti e che potrebbe porre fine a una querelle che ormai dura da qualche mese. Vedremo se il passo fatto dalla Juventus verso la Lega Calcio porterà a una distensione tra le due parti e, infine, ad un accordo.

 

Articolo precedente
Bonucci, insultata la sua famiglia sui Social. E lui stavolta risponde
Prossimo articolo
Juventus sempre vigile su Rabiot. Ma il francese deciderà il suo futuro a gennaio