LAVAGNA TATTICA – Douglas Costa e Matuidi nel 4-2-4

juve douglas costa
© foto www.imagephotoagency.it

Nel secondo tempo di Juve-Lecce, Douglas Costa ha cambiato struttura tattica alla squadra. Il brasiliano ha avuto un grande impatto

Nel secondo tempo di Juve-Lecce, Sarri è passato al 4-2-4 per dare più imprevedibilità alla squadra. Douglas Costa, entrato al posto di Rabiot ha agito largo a destra, mentre Bernardeschi si è spostato a sinistra. In mezzo, la mediana composta da Pjanic e Bentncur. Il brasiliano ha avuto un eccellente impatto sulla gara, ha portato freschezza e capacità di creare superiorità numerica. Basti pensare che ha azzeccato 8 dribbling su 8, con la bellezza di 5 passaggi chiave e un assist. A volte dialogava con Dybala che si apriva, mentre in altre circostanze la sovrapposizione di Cuadrado lo faceva stringere dentro al campo.

Il 4-2-4 della Juve. In questa situazione, Douglas Costa entra leggermente dentro al campo mentre Cuadrado dà ampiezza. Matuidi resta bloccato.

L’ex Bayern, oltre a puntare l’uomo e andare sul fondo, ha anche effettuati splendidi cambi di gioco sul lato debole. In quelle situazioni, Matuidi ha inciso parecchio dopo un primo tempo di affanno. Con Bernardeschi che si stringeva molto dentro al campo, si creavano spazi per l’inserimento del francese. Matuidi si è buttato dentro con efficacia, generando tante occasioni da rete.

Un esempio nella slide sopra, con Matuidi che si inserisce a sinistra.

Il 4-2-4, seppur in una situazione particolare con gli avversari in 10, ha dato molta più pericolosità alla Juve, che ha occupato meglio il campo. L’ingresso di Douglas Costa in particolare si è rivelato decisivo.

Condividi