LAVAGNA TATTICA – I problemi nel lato di Alex Sandro

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

La Juve ha sofferto costantemente i cambi gioco sul lato di Alex Sandro. I bianconeri non riescono a difendere bene il lato debole

A Verona si è vista una delle costanti della stagione. La Juve non riesce a coprire bene la palla, con l’avversario che ha troppo tempo e spazio per effettuare cambi di campo. Di conseguenza, che si giochi col 442 o con il rombo (modulo che esaspera queste difficoltà), la Juve soffre molto sul lato debole. Ciò è avvenuto con costanza al Bentegodi, dove Lazovic e Faraoni ricoprivano una posizione molto alta.

Era fondamentale il lavoro degli attaccanti, ossia Zaccagni e Borini: come si vede nella slide sopra, tenevano occupati i terzini della Juve. In questo, modo si creava spazio per i quinti, situazione tattica che il Verona ha sfruttato in continuazione. Il Verona ha punto soprattutto nel lato sinistro della Juve, dove Alex Sandro era costretto a rincorrere costantemente un Faraoni incontenibile. L’Hellas si rendeva sempre pericolosa tramite cambi di gioco (da segnalare un grande Miguel Veloso in questo), con la Juve che soffriva tanto nel coprire la palla quanto nel difendere l’ampiezza.

Condividi