LAVAGNA TATTICA – Le difficoltà a servire i centrocampisti (marcati)

© foto www.imagephotoagency.it

Con Bentancur, Rabiot e Pjanic costantemente marcati, la Juve ha faticato a risalire da dietro. Troppe difficoltà in impostazione

Il pressing dell’Hellas Verona ha stroncato la costruzione della Juve. Pessina seguiva a uomo Pjanic, mentre Amrabat e Miguel Veloso accorciavano su Bentancur e Rabiot. Con Lazovic e Faraoni tempestivi a uscire su Cuadrado e Alex Sandro, la Juve non aveva quasi mai soluzioni di passaggio sul corto. Come si vede nella slide sopra, i bianconeri hanno spesso scavalcato il centrocampo, con lanci da dietro alla ricerca di un Higuain che ha perso quasi tutti i duelli.

L’aggravante è che Pjanic, Bentancur e Rabiot sono tutti giocatori tecnici, che in teoria sono anche in grado di ricoprire la posizione di vertice basso (a volte, nei mesi precedenti, capitava che gli interni si sostituissero momentaneamente a Pjanic quando marcato, venendo incontro). Non si è però visto nulla del genere al Bentegodi, con la Juve che mai è riuscita a risalire sul breve. Bassa qualità degli smarcamenti e poca interscambiabilità tra gli interpreti. Non è un buon segno per Sarri il fatto che la Juve fatichi così tanto nel superare un pressing ben fatto, ci si aspettano netti miglioramenti nel palleggio.

Condividi