LAVAGNA TATTICA – Perché Demiral può dare molto alla Juve di Pirlo

juve demiral
© foto www.imagephotoagency.it

Demiral può esaltarsi nel sistema tattico di Pirlo. La Juve ha bisogno di giocatori con le sue caratteristiche

Un difensore molto aggressivo

L’annata scorsa è stata molto fortunata per Demiral. Dopo un avvio di stagione estremamente positivo, in cui aveva giocato tante partite grazie alle sue eccellenti prestazioni, il brutto infortunio in casa della Roma gli aveva fatto terminare anzitempo la stagione. Il difensore turco si caratterizza per un’elevata aggressività e intensività, accorcia benissimo sugli avversari ed ha un eccellente senso dell’anticipo. Può giocare sia come centrale a due che come terzo di difesa, posizione che già aveva utilizzato con il Sassuolo di De Zerbi

Queste sue qualità sembrano sposarsi bene con le caratteristiche della Juve di Pirlo. Come abbiamo scritto, i bianconeri cercano di fare un calcio di possesso in cui lo scopo è quello di recuperare palla velocemente, subito dopo averla persa. Nelle conferenze, l’allenatore si sofferma sempre sull’importanza della riaggressione, vero marchio di fabbrica dei top club di oggi. Tant’è che ne ha scritto anche nel corso della sua Tesi di Coverciano.

Le difficoltà contro la Roma

Nel match dell’Olimpico contro la Roma, la Juve ha però molto sofferto le ripartenze dei giallorossi. Ogni volta che i padroni di casa recuperavano palla, i bianconeri si facevano trovare lunghi e attaccabili: la riconquista ha funzionato molto male, con Mkhitaryan che in conduzione ha seminato il panico.

Tante cose hanno provocato queste difficoltà: prima di tutto la Juve ha attaccato molto male, con tanti errori tecnici che hanno causato ripartenze rivali. D’altronde, una squadra non attacca bene è anche disposta male quando poi si perde il possesso. Inoltre, la difesa non accorciava, c’era sempre tanto spazio centrale tra retroguardia e mediani: di conseguenza, la Roma riusciva sempre a sfondare centralmente nelle fasi di transizione.

Si è visto chiaramente nell’occasione di Mkhitaryan, in cui c’è stata un’enorme distanza tra i reparti. E’ importante per Pirlo che De Ligt torni a disposizione: come abbiamo scritto, l’olandese si esalta nel difendere con tanto campo alle spalle, è sempre intenso e coraggioso nell’accorciare i reparti. I bianconeri vogliono fare un calcio difficile, in cui la squadra riesca a riaggredire bene a palla persa: per essere efficaci, è quindi necessaria una linea tempestiva a precisa nell’accorciare.

Cosa può dare Demiral

Anche Demiral, come scritto sopra, sembra essere in grado di esaltarsi in ciò che intende fare Pirlo. Forse ancora di più rispetto a quanto visto con la difesa a zona pura di Sarri: l’ex Sassuolo preferisce lavorare sull’uomo, di conseguenza la Juve attuale può aiutare a favorire il suo strapotere fisico.

Quando sarà al 100%, sarebbe una buona idea lavorare su di lui come terzo di difesa a sinistra, con De Ligt sul centrodestra. La Juve avrebbe così “braccetti” molto aggressivi in grado di assolvere completamente le richieste di Pirlo. In tal caso, il turco dovrebbe però migliorare in fase di impostazione. Seppur stia crescendo nell’abilità di gestire il possesso, sul centro-sinistra è più difficile per un piede destro: lo si è visto nel match contro la Sampdoria, in cui ha perso un brutto pallone.

 

LEGGI ANCHE: Come Dybala può esaltarsi nella nuova Juve di pirlo

Condividi