Manolo Portanova: chi è il centrocampista goleador della Juventus Primavera

portanova
© foto www.imagephotoagency.it

Il miglior marcatore della Juventus Primavera di ruolo fa il centrocampista. Chi è Manolo Portanova: il figlio d’arte che dà tutto per i compagni

Ben 4 gol nelle prime 4 gare di campionato con la Juventus Primavera: un dato, disarmante, che non lascerebbe adito ad alcun tipo di dubbio: solo che no, Manolo Portanova di mestiere non fa l’attaccante. Ed è proprio qui che viene il bello.

Manolo Portanova, il centrocampista perfetto per Baldini

Classe 2000, di natura mezzo a destra, anche se nella sua breve carriera ha giocato un po’ in tutti i ruoli. La duttilità di Manolo Portanova è l’arma in più di un giocatore prima di tutto utile. Prelevato dalla Lazio nell’estate del 2017 – che per inciso lo rimpiange ancora -, il ragazzo si è sin da subito ritagliato un ruolo da protagonista nella Primavera di Alessandro Dal Canto. In una stagione complessa per l’Under 19 bianconera, Manolo mette a segno 5 reti in 35 presenze complessive, offrendo alla causa qualità e quantità. Baldini rimane subito colpito dall’intelligenza tattica del giocatore, punto fermo delle Nazionali giovanili, e sceglie di calarlo in un contesto tattico a lui congeniale: un 4-3-3 offensivo in cui i continui accentramenti di Moreno e Fagioli creano spazio da aggredire alle spalle di Petrelli.

Manolo Portanova figlio d’arte: di Daniele ha la mentalità

E Portanova lo sfrutta, eccome: doppietta con il Cagliari, gol col Milan e perla nel derby della Mole. In una parola: decisivo. Silenziosamente. Perché a volte non ti accorgi nemmeno che è in campo: ma poi ricompare, all’improvviso, davanti al portiere o in chiusura su un avversario lanciato a rete. Sempre dedito alla causa, Manolo ha ereditato la mentalità di papà Daniele, ex difensore di Siena e Bologna tra le altre. Quella voglia di sacrificarsi per il compagno in difficoltà, di lottare fino all’ultimo minuto con enorme altruismo. Basti pensare che il suo idolo risponde al nome di Stefano Sturaro anche se, per quanto segna, potrebbe tranquillamente ispirarsi a Cristiano Ronaldo. Questione di gusti: encomiabile l’umiltà.

Articolo precedente
juventus womenBraghin suona la carica: «Abbiamo tre obiettivi»
Prossimo articolo
Mancini: «Chiellini? Lo valuteremo domani. Bernardeschi…» – VIDEO