Marchisio: «Addio alla Juve? Sgridato dai miei figli per colpa di CR7»

marchisio
© foto www.imagephotoagency.it

Parla il Principino: dall’addio alla Juventus a quell’aneddoto sulla finale di Berlino. Le parole di Claudio Marchisio

In una bella intervista a La Stampa, Claudio Marchisio torna sulla società bianconera, sul suo sofferto addio alla Juventus e non solo. Alcuni estratti delle parole del Principino.

SERIE A – «E’ molto meglio di come ce la raccontiamo, facciamo le vittime, ma l’evoluzione è enorme e va oltre il fattore Ronaldo. Il Napoli è cresciuto, la Roma ha dato prova di carattere nonostante l’andamento alterno, l’Inter cerca continuità. Le rivali crescono, solo che la Juve è avanti di tanti anni. Lo stadio di proprietà, il marchio che parla al mondo… quella J è come l’incastro delle lettere sul cappellino dei New York Yankees. Per quel livello ci vuole tempo e soprattutto servono idee».

RONALDO – «Dispiaciuto di non giocare con lui? I miei figli mi hanno sgridato: ‘papà, arriva lui e tu te ne vai?’. Tutti trattano Ronaldo come una star di Hollywood e ha pressioni assurde che in campo non si vedono quasi mai».

CHAMPIONS – «Sorteggio sfortunato? La Juve non si può permettere di vederla così. Quest’anno ha la consapevolezza di poter vincere. Finale del 2017? Non abbiamo vinto quindi qualcosa mancava. Credo a livello di concentrazione e determinazione… La grinta messa a Cardiff per recuperare la partita sull’1-1 è scivolata via ed è successo ben due volte. Stessa storia a Berlino, con il Barcellona. Dani Alves raccontò a me e Barzagli che loro hanno davvero avuto paura di perdere quella sera. In una finale non sono concesse distrazioni. Paghi tutto, ma l’ambiente bianconero adesso merita quel trofeo. Rammarico se la Juve vincesse quest’anno? Forse per un secondo mi dispiacerà, ma io sono juventino. Sono stato su in curva, poi giù in campo ora sono tornato su in tribuna e ho vinto così tanto con quella maglia che non può esistere un rimpianto».

ADDIO – «Era il momento. Dopo tanti anni, a Torino avevo dato tutto. Trovare ogni stagione nuova linfa, nello stesso ambiente, con le stesse persone è dura. Migliorarsi con costanza in una sola società è difficile».

Articolo precedente
higuain«Higuain non vuole tornare alle Juve»: ecco perché
Prossimo articolo
capelliniOrario Genoa-Juventus Primavera: ecco quando si gioca il match