Marotta: «Rispettiamo la decisione, ma il rinvio tardivo è una nota dolente»

marotta
© foto www.imagephotoagency.it

Giuseppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter, ha rilasciato un’intervista dopo il rinvio della partita con la Juve

L’amministratore delegato dell’Inter, Giuseppe Marotta, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Rai Sport dopo il rinvio di Juve Inter. Di seguito riportate le sue dichiarazioni.

RINVIO JUVE INTER – «La prima cosa che penso è tutelare la salute dei cittadini. Parlando da dirigente sportivo, dico che è stato apportato un criterio logico ma che ci mette in difficoltà dal punto di vista della compilazione del calendario. Sono preoccupato dalla possibile proroga del decreto ministeriale fino all’8 marzo per le regioni interessate. Già per il calendario della settimana prossima mi chiedo come tutto possa essere gestito. Sono molto molto preoccupato, credo debba essere adottato un criterio univoco. Sta a noi uomini di sport rendere il calendario competitivo, senza alternarne i valori. Perché il rinvio così tardivo? E’ la nota dolente. Si doveva decidere prima: farlo all’ultimo momento crea un problema, che però riusciremo a superare. Gli interisti arrabbiati? Siamo davanti a una situazione straordinaria, dobbiamo rispettare la decisione, che però doveva essere presa prima. L’importante è che vengano rispettati tutti i tifosi. Inter-Sassuolo è impensabile che possa nuovamente essere giocata a porte chiuse, ed è questa la mia grande preoccupazione».

Condividi