Matuidi decisivo con la Francia: «Ma ora penso alla Champions League»

matuidi
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista transalpino protagonista con la sua Nazionale. Ma per Blaise Matuidi tempo di concentraesi sugli obiettivi bianconeri

Serata di grande festa a Parigi dove la Francia si è imposta per 2-1 sull’Olanda ed ha celebrato davanti ai propri tifosi la vittoria del Mondiale di Russia. Nel match di Nations League ancora protagonista Blaise Matuidi che ha fornito l’assist del momentaneo 1-0 a M’bappé. La mezzala di Massimiliano Allegri, che con i Bleus ha giocato da esterno alto del 4-2-3-1, è stato intervistato dall’Equipe. Ecco le sue parole.

FESTA MONDIALE – «Non volevo uscire, volevo rimanere fino alla fine, ci siamo divertiti e sono cose che possono accadere solo una volta nella vita. Questo è un momento che rimarrà inciso per sempre, posso parlarne ai miei figli, ai miei nipoti, ho già chiesto dei video negli spogliatoi. Siamo molto felici, naturalmente abbiamo avuto delle difficoltà ma abbiamo vissuto un grande momento di comunione con il popolo francese. Stavamo aspettando questa vittoria e ce l’abbiamo fatta, finalmente. Siamo davvero orgogliosi e onorati».

NATIONS LEAGUE – «Una serata di successo dall’inizio alla fine, è vero. Stavamo aspettando questa pausa con impazienza, eravamo impazienti di incontrarci di nuovo. Abbiamo trascorso una settimana fantastica e, soprattutto, non abbiamo perso. Abbiamo fatto un buon risultato in Germania (0-0) e abbiamo vinto in casa, quindi penso che l’obiettivo sia pieno. E soprattutto, questa feste alla fine è stata magica».

NUOVO RUOLO – «Mi adatto alle esigenze della squadra. Certo, questa non è la mia migliore posizione, ma per la squadra, sarei pronto a dare tutto».

RITORNO ALLA JUVE – «Abbiamo vissuto un grande momento e saremo felici di ritrovarci in un mese, ma prima abbiamo degli obiettivi importanti con il mio club, la Champions League che inizia, il campionato: la festa è finita ora. Dovremo concentrarci sulle gare, sul campo, altrimenti i nostri club non saranno felici (ride, ndr)».

Articolo precedente
Zidane: «Tornerò presto ad allenare». Juve, vuoi vedere che…
Prossimo articolo
Portogallo-Italia, occhi su Guedes: la stella del Valencia che spaventa la Juve