Connettiti con noi

Calciomercato Juve

Milan Juve, il mercato chiama: tutti i possibili intrecci in vista dell’estate

Pubblicato

su

Milan Juve, il mercato chiama: tutti i possibili intrecci in vista dell’estate tra i due club, questa sera avversari a San Siro

Avversari, sì, ma ancora per quanto? Se Milan e Juve mette in palio una fetta importante di zona Champions, le due dirigenze sugli spalti di San Siro guarderanno oltre la siepe dell’imminente incontro. Il motivo è semplice: due club in cerca di occasioni, opportunità sul mercato. Quale modo migliore se non quello di trovare un filo comune, che unisca necessità e bisogni. Lo sguardo, dunque, si proietta alla prossima estate.

Chiellini viaggia verso i 38 anni, Bonucci verso i 35, Rugani è in dubbio e De Ligt, di fronte ad un’offerta altisonante, potrebbe anche partire. In estate la Juventus potrebbe così ritoccare la sua difesa, e un nome che piace è quello di Alessio Romagnoli. Il centrale è in scadenza di contratto a giugno: senza il rinnovo, lascerebbe il Milan a parametro zero. Cherubini fiuta il colpo per rinforzare il suo reparto, ma l’operazione potrebbe essere meno semplice del previsto.

Perché? Soprattutto nei mesi scorsi e nelle scorse finestre di mercato, il nome di Romagnoli era legato alla Juve nell’ambito di un possibile scambio con Federico Bernardeschi. L’esterno carrarino vive la medesima situazione: contratto in scadenza a giugno, ancora vuoto sul rinnovo e una permanenza al momento in bilico. Dopo il CdA di febbraio, la dirigenza scioglierà i vari nodi, pianificando così la prossima stagione. E non è detto che il Milan, come in passato, non faccia un pensierino per il numero 20 campione d’Europa.

Capitolo Kessié. Senza dubbio anche il centrocampo subirà un mini-rivoluzione tra gennaio e l’estate. I sondaggi della Vecchia Signora in casa rossonera hanno visto posare la lente d’ingrandimento anche sul centrocampista ivoriano che, neanche a dirlo, è in scadenza. Rinnovare il matrimonio col Milan non sembra nelle intenzioni dell’ex Atalanta, tutt’altro: l’ipotesi addio a fine anno si fa sempre più concreta, giorno dopo giorno. La Juve ci pensa e ci ha pensato: Psg e club di Premier League, al momento, sembrano le piste più accreditate ad accoglierlo. Ma nei discorsi futuri tra le due società, non è detto che non emergano nuovi nomi e nuovi scenari.