Quando nasce e perchè la rivalità tra Fiorentina e Juventus – VIDEO

Quel 16 maggio 1982 che diede la seconda stella ai bianconeri e quelle botte al Franchi la stagione successiva. Ecco le immagini storiche dell’inizio della rivalità tra Fiorentina e Juventus

Era il cinquantesimo campionato di Serie A a girone unico e l’inizio straripante della Juventus con sei vittorie di fila aveva fatto pensare a una stagione in discesa. Non fu così, perchè quell’annata, 1981/82, fu dannata per Roberto Bettega, che il 4 novembre si lesionò il ginocchio nell’allora Coppa dei Campioni e fu costretto a chiudere anzitempo la carriera in Nazionale. Mister Giovanni Trapattoni, per porre rimedio a un’assenza tanto pesante, lanciò il giovane Giuseppe Galderisi, cresciuto nel vivaio bianconero. Nel frattempo, a farsi strada pian piano fino a laurearsi campione d’inverno con un punto di vantaggio sulla Juventus, fu la Fiorentina, guidata da Giancarlo De Sisti e con un Ciccio Graziani in piena forma.

Il 16 maggio 1982 e le botte al Franchi la stagione dopo

Il testa a testa tra i viola e i bianconeri restò acceso fino all’ultima giornata di campionato. Lo scudetto, infatti, fu assegnato quel 16 maggio 1982, negli ultimi novanta minuti della stagione. La Juventus espugnò il campo del Catanzaro grazie a una rete di Brady, che si presentò sul dischetto malgrado sapesse già che la Juventus lo avrebbe ceduto a fine stagione per acquistare Platini. La Fiorentina, invece, su fermata dallo 0-0 a Cagliari e restò a reclamare per un gol annullato a Graziani. Per i bianconeri fu la vittoria del ventesimo scudetto, che diede diritto a cucire la seconda stella sulle maglie. La sfida al Franchi nella stagione successiva, che accese la rivalità tra Fiorentina e Juventus, fu una guerra fisica e sportiva sul campo, caratterizzata da interventi fallosi piuttosto duri: Tardelli fu espulso, Brio decise il match con un gol di testa. Per la verità, altre gare nel passato avrebbero inasprito la contesa tra le due formazioni. Già dal 7 ottobre 1928, quando la Juventus strapazzò la Fiorentina con un 11-0. E da un episodio analogo il i bianconeri imposero il KO per 8-0 ai viola in nove uomini.

Il 29 aprile 2018 la Fiorentina è un esempio di sportività

Si dubitava fin troppo, al di là degli ambienti juventini, che la Fiorentina fermasse il Napoli nella corsa scudetto 2017/2018. Quella rivalità con la Juventus, che ogni anno viene onorata e rinnovata a Firenze, veniva vissuta quasi come un verdetto. Ancor più sul fronte opposto ai bianconeri, probabilmente, dove ci si era lasciati andare ai festeggiamenti anticipati. Sportivamente esemplare, invece, l’approccio al match dei viola di Pioli, che hanno strapazzato la squadra di Sarri con un perentorio 3-0 grazie a una tripletta de El Cholito Simeone.

Articolo precedente
Squalificati Serie A: un turno a Pjanic. Ammonizione per Allegri
Prossimo articolo
Napoli, tweet pungente: «Vinciamo facendo leva solo sulle nostre forze»