Paratici: «Allegri è bravissimo, l’ha dimostrato in questi anni»

paratici, nedved
© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Paratici, dirigente sportivo della Juventus, ha parlato nel prepartita del match di ritorno tra bianconeri e Bologna

Fabio Paratici, dirigente sportivo della Juventus, ha parlato ai microfoni di Sky nel prepartita del match tra bianconeri e Bologna. Il ds ha introdotto la gara che attende i ragazzi allenati da mister Allegri.

MARELLA AGNELLI – «Porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia Agnelli per la scomparsa di Donna Marella. Ci uniamo al dolore».

FORMAZIONE – «Vogliamo fare la prestazione migliore al di là di interpreti e ruoli». 

SERIE A NON ALLENANTE – «In Europa ci vogliono grandi giocatori in tutti i reparti. io resto dubbioso quando si dice Serie A non allenante. Si dice sempre che la Serie A è più difficile di Lega e Premier. Poi una squadra italiana perde in Champions e diventa campionato poco allenante»

PRESSIONE – «Quando lavori alla Juve la pressione ce l’hai comunque. Ronaldo o non Ronaldo. Devi vincere e siamo abituati. Dobbiamo fare il meglio possibile in ogni gara per le aspettative che abbiamo verso noi stessi. La sconfitta di Madrid non è dovuta a un qualcosa di psicologico. Le partite di Champions sono diverse dalle partite di campionato, sono più impegnative».

ALLEGRI – «Col senno di poi si può dire tutto e il contrario di tutto. Allegri è bravissimo e l’ha domostrato in questi anni. Negli utlimi anni la Juventus ha saltato sei gare possibili del suo calendario. Non credo sia il momento di parlare di queste cose».

BOLOGNA – «Noi siamo abituati a giocare 50-60 partite l’anno. Dopo ogni partita bisogna focalizzarsi su quella succesisva. Noi siamo abituati a giocare ogni 3-4 giorni. Oggi ce n’è una e la giochiamo con grande spirito».