Pioli: «Pesa il rigore dell’andata. Non siamo stati peggio della Juve»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Pioli, allenatore del Milan, ha parlato al termine del match dello Stadium tra i rossoneri e la Juventus

Stefano Pioli ha parlato ai microfoni di Rai 1 al termine del match dello Stadium tra i bianconeri ed il Milan. Il tecnico parmigiano ha commentato la gara ed analizzato la prestazione dei suoi.

SCONFITTA – «Nel doppio confronto pesa il rigore dell’andata. Noi oggi abbiamo subito troppo la pressione iniziale della Juve, commettendo errori tecnici. Ingenui a rimanere in dieci. Poi però abbiamo fatto un’ottima partita in superiorità numerica. Abbiamo avuto anche due-tre palloni per andare in finale, che era il nostro obiettivo».

CHI MERITAVA – «I risultati sono chiari. Si tratta di due pareggi. La differenza è stata sottile, non abbiamo giocato peggio della Juve. Purtroppo non siamo riusciti a segnare qui. Abbiamo difeso bene, anche perché ci siamo abbassati con tutta la squadra. I due centrali sono stati eccezionali. Ora dobbiamo provare a conquistare l’Europa in campionato».

MILAN – «Dobbiamo avere più continuità. A livello di qualità delle partite sono state ottime, ma non siamo riusciti a portare a casa i risultati. Dobbiamo essere più concreti e determinati. Abbiamo le qualità per finire bene, ma dovremo metterci tanto del nostro».

Il tecnico rossonero ha parlato poi ai microfoni di Milan TV.

GARA«Purtroppo abbiamo dei rimpianti, dispiace molto perché volevamo andare in finale e vincere questa competizione per poter accedere all’Europa. Rimanendo in 10 è stata una partita molto difficile, abbiamo avuto anche dei palloni per cambiare il risultato finale. C’è il rimpianto della partita dell’andata per l’espulsione e il rigore nel finale».

JUVE«Dopo un lungo stop, con un avversario del genere non potevamo fare di meglio. Abbiamo concesso poco, abbiamo fatto una partita con grande volontà e con la convinzione di poter giocare fino alla fine. Ci serviva quella famosa stoccata vincente che non siamo riusciti ad ottenere».

Condividi