Pjanic: «Il mio sogno è la Champions, sono nel posto giusto per realizzarlo»

Pjanic
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista della Juventus parla in un’intervista rilasciata a due giorni dall’impegno di Champions con l’Atletico Madrid. Le parole di Miralem Pjanic

Intervistato da Il Giornale, Miralem Pjanic ha parlato così in avvicinamento al match con l’Atletico Madrid. Alcuni stralci delle parole del centrocampista bosniaco ,

CHAMPIONS – «Atletico Madrid, che ottavo è? Nobile. La loro filosofia non è semplice per niente. Sta a noi cercare di gestire bene le due gare e cercare di fare un gol a Madrid».

ATLETICO – «Se è come l’Atalanta? No, assomiglia tanto allo stile Juve: compatta, concede pochi spazi, non prende tanti gol. Loro sono molto aggressivi sui giocatori, ma noi abbiamo individualità più forti. Su questo dobbiamo fare la differenza. L’Atletico sarà motivato dal poter giocare la finale in casa, dopo averne giocate due negli ultimi cinque anni. Se sentiamo la pressione Champions? Per niente! Noi ci sentiamo forti anche se siamo stati eliminati dalla Coppa Italia. Per il resto solo grandi risultati anche se ultimamente ci sono state partite complicate. Dobbiamo migliorare due-tre cose per affrontare queste sfide da dentro o fuori».

RONALDO – «Con Cristiano Ronaldo è più facile? Sì, perché è sempre stato decisivo nelle grandi partite, è nato per fare gol importanti. E adesso ce l’abbiamo noi. Tocca a noi sfruttarlo al meglio. Tutti i ragazzi fanno in modo che stia bene, ogni tanto gli parlo, mi dice che si trova bene ed è sicuro della forza di questa Juve».

OSSESSIONE CHAMPIONS? – «Quale partita rigiocherei? La finale di Cardiff. La Champions è un’ossessione? Io vedo che qui nei prossimi anni arriverà la Champions. È un mio sogno e sono nel posto ideale per realizzarlo. C’erano delle cose, è vero. Non c’era motivo di cambiare. La Juventus è la mia ultima grande squadra? I trasferimenti non dipendono solo dal calciatore ma anche dalla società, che forse ha dei bisogni forse no. Non dipende solo dal calciatore».