PUNTO A CAPO – La grande sfida di Pirlo, far convivere tutti gli attaccanti

© foto www.imagephotoagency.it

Con Morata l’attacco è completo, anzi è abbondante. In attesa di sviluppi di mercato per Douglas Costa Pirlo valuta tutte le soluzioni

Il 3-5-2 stuzzica, il tridente intriga, ma forse si può ancora andare oltre. Prima con la fantasia, poi con la sperimentazione alla Continassa, prima della prova del campo. Perché da qualche settimane Pirlo ha in testa un super attacco, e il modo per supportarlo al meglio; i campioni non bastano, serve anche equilibrio. L’arrivo di Morata ha arricchito un reparto che per qualità ed alternative in questo momento è al livello delle big d’Europa, in attesa di sviluppi sul mercato per Douglas Costa ed eventualmente Bernardeschi. Pirlo intanto dovrà imparare a gestire i suoi attaccanti, imporre gerarchie e sperimentare moduli e posizioni per trovare la giusta alchimia.

Si parte dal 3-5-2, ma quando Dybala tornerà a regime e Morata entrerà nei nuovi meccanismi  due attaccanti rischiano di essere pochi. Il tridente potrebbe consentire alla Juve di esprimere al meglio il suo potenziale offensivo, ma tra Kulusevski, Morata, Dybala e Ronaldo uno è destinato alla panchina. Pirlo non vuole affrettare i tempi, la squadra deve ritrovare automatismi e fiducia e per tutto questo al momento il sistema di gioco ideale è il 3-5-2, ma presto potrebbe arrivare il momento del tridente, e quando i tempi saranno maturi Pirlo potrebbe addirittura osare il 4-2-3-1, l’unico sistema che garantirebbe una maglia da titolare a tutte le sue stelle.

Condividi