PUNTO A CAPO – Nuova Juve, vecchio derby. E de Ligt illumina

ronaldo-de-ligt
© foto www.imagephotoagency.it

I bianconeri vincono di misura un derby più complicato del previsto. E de Ligt entra nella storia con il suo primo gol italiano

Nel derby si è visto poco della Juve di Sarri e tanto di Allegri, a partire dal pragmatismo che ha fatto la differenza. Manovra faticosa, gioco quasi del tutto assente, ma nonostante le difficoltà i bianconeri hanno confermato il trend vincente: una sola sconfitta in A negli ultimi 27 confronti contro il Torino. La differenza però la fanno due nuovi “acquisti”: segna de Ligt ma la partita la spacca Higuain dalla panchina, sfiorando un gol capolavoro e offrendo all’olandese l’assist per il vantaggio.

L’uomo della provvidenza è stato de Ligt, che dopo aver rischiato grosso per l’ennesimo tocco di braccio in area in avvio, ha riscattato le incertezze delle ultime partite con il suo primo gol in Italia. E un record da predestinato: la sua prima rete all’età di 20 anni e 82 giorni, meglio di lui nella storia bianconera hanno fatto solo Borel, Nicolé, Menti e Gabetto. Aveva bisogno di un’iniezione di fiducia per scrollarsi di dosso le critiche, e tornare il muro di Amsterdam.