Connettiti con noi

Hanno Detto

Rigore Jorginho, Altobelli: «Al suo posto non lo avrei tirato»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Alessandro Altobelli, ex attaccante, ha parlato della situazione dell’Italia, soffermandosi sul rigore di Jorginho con la Svizzera

Intervistato da La Repubblica, l’ex attaccante della Juve Alessandro Altobelli ha parlato del rigore fallito da Jorginho contro la Svizzera.

RIGORE JORGINHO – «Certo con quel gol saremmo quasi qualificati, ma il destino è ancora nelle nostre mani. Fossi stato nei suoi panni, non l’avrei fatto, avrei lasciato il pallone ad altri. Aveva sbagliato l’ultimo in finale agli Europei, aveva sbagliato all’andata con la Svizzera, quindi il portiere avversario gliene aveva già preso uno. L’ho visto prima che calciasse, era bianco in faccia, si vedeva che lo sentiva troppo».

COSA SUCCEDE NELLA TESTA DI UN RIGORISTA «Il problema è che calciare un rigore è meno facile di quanto si creda. E poi al 90’, un tiro da cui dipende la qualificazione è pesante. Un campione sa se se la sente, e se non te la senti devi avere il coraggio di cederlo a un compagno. Prima della partita si stabiliscono i rigoristi, primo e secondo, sicuramente ne avevano parlato. E non mi pare che lui abbia avuto il pensiero di lasciarlo ad altri. Ma ne parliamo solo perché è il terzo consecutivo».