Romero alla Juve: «Un sogno che si avvera»

romero
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrale argentino, prenotato dai bianconeri, parla della sua crescita al Genoa e del suo futuro. Le parole di Cristian Romero

Intervistato dal Corriere dello Sport, Cristian Romero, giovane centrale del Genoa prenotato dalla Juventus, ha parlato di presente e futuro. Ecco alcuni estratti della sua intervista.

SOGNO – «Da ragazzo volevo diventare un calciatore professionista e ci sono riuscito. Adesso sogno di giocare in Champions League in uno dei 4 club più importanti al mondo: la Juventus, il Real Madrid, il Barcellona o il Manchester United. E poi di far parte della Seleccion argentina anche se che è difficile perché lì c’è Otamendi, uno dei migliori al mondo».

JUVENTUS – «Non lo so… Io non mi occupo di mercato e il mio primo pensiero è il Genoa. Al termine del campionato mancano tante partite e voglio continuare a giocare così, poi vedremo».

JUVE-GENOA – «Mi ricordo la settimana prima dell’incontro: Juric mi aveva provato titolare, ma mi disse che non ero pronto per scendere in campo dall’inizio. Lo fece perché non voleva che l’emozione e la tensione mi consumassero, ma quando annunciò la formazione titolare, c’ero. Fu un’emozione fortissima: in testa mi iniziarono a passare mille cose ed ero davvero felice».

INIZI IN ITALIA – «Il mio esordio in Serie A a Torino, contro la Juventus e senza perdere… E’ stato bellissimo. Nel campionato argentino prima di trasferirmi al Genoa non giocavo perché avevo avuto problemi con il mio club e all’inizio della mia esperienza in rossoblù ero stato frenato dalla pubalgia che mi ha tenuto fuori due mesi. Non è stato facile: ero solo e infortunato… Poi sono guarito, ho disputato due incontri nella Primavera contro l’Empoli e il Milan infine c’è stato l’esordio in A con la Juve»

ROMERO CONTRO CR7 – «Tanta gente mi ha fatto questa domanda, ma io ho un carattere tranquillo e quando gioco non penso a chi ho davanti. Ronaldo è uno dei migliori al mondo, Dybala è fortissimo e la Juventus è una grandissima squadra».

GENOA-JUVE –  «Credo di essere cresciuto molto rispetto alla gara d’andata. Ho giocato tante partite, ho fiducia in me e non penso che il mio rendimento sarà disturbato dal fatto se vado o non vado alla Juventus. Io sono qui, nel Genoa. In campo voglio dare tutto quello che posso per i miei compagni. Alla prossima estate manca tanto e non penso a quello che accadrà».