Connettiti con noi

Hanno Detto

Sconcerti punge Allegri: «Pensavo che avrebbe capito prima una cosa»

Pubblicato

su

Mario Sconcerti ha parlato di Juve, analizzando il momento che sta vivendo la squadra di Massimiliano Allegri. Le sue parole

Nel suo editoriale per il Corriere della Sera, Mario Sconcerti ha analizzato il momento della Juventus di Allegri, con 1 solo punto nelle prime due giornate contro Udinese ed Empoli. Le sue parole.

«La Juve ha cominciato male raddoppiando la confusione dell’anno scorso. Questa noi la chiamiamo sorpresa perché siamo abituati a pensare alla vecchia Juve. In realtà la Juve arriva da un quarto posto, ha un Locatelli in più e Ronaldo in meno. Non può essere più forte. Del resto aveva già perso punti anche un anno fa, quando pareggiò a Roma. La sorpresa di oggi è che il pragmatismo di Allegri è ancora nella fase sperimentale, non cambia il disagio della squadra dove in modo spontaneo, direi involontario, ognuno rema secondo caratteristiche personali. Non è cattiveria per esempio se Danilo non marca il giovane Ricci, regista dell’Empoli, lasciandogli il comando delle idee. Danilo scherma la sua difesa, quello è il suo compito. Il regista avversario gli gioca venti metri avanti. Che c’entra lui? Il punto è questo: a chi tocca marcare Ricci? La Juve dalla trequarti in avanti è una squadra di feudatari, pensano che gli altri siano manovalanza addetta a produrre una tassa sulla terra. Credevo che Allegri avrebbe fatto prima a capire perché è il più bravo di tutti, quello che studia meglio l’errore. Adesso ha molto lavoro».