Connettiti con noi

Hanno Detto

Staffetta 4X100 Italia: «Noi in prima pagina, meglio di Cristiano Ronaldo»

Pubblicato

su

Staffetta 4X100 Italia: «Noi in prima pagina, meglio di Cristiano Ronaldo». I velocisti azzurri esaltati in conferenza stampa

L‘Italia esulta per il clamoroso oro conquistato dalla staffetta 4X100 alle Olimpiadi di Tokyo. Queste le dichiarazioni dei protagonisti dopo l’impresa.

JACOBS – «Nel momento in cui siamo entrati in pista, per la finale, sapevamo che avremmo potuto fare qualcosa di grande e lo abbiamo fatto. De Grasse? Con un sorriso il canadese ci ha voluto dire: ‘Mannaggia, gli italiani un’altra volta”. Tutti gli avversari si sono complimentati perché abbiamo fatto qualcosa di incredibile. Mi auguro che da settembre i genitori portino i figli a fare atletica: è una palestra di vita che ti insegna a non mollare mai, anche quando ci sono grandi difficoltà, come dimostra la mia esperienza. Io spero di essere un esempio per tutti quelli che si avvicinano all’atletica».

TORTU – «È la cosa più bella e la cosa più brutta. Hai addosso una tensione anche superiore a quella della gara individuale. Portare al traguardo la staffetta è stato fantastico e subito dopo Lorenzo (Patta, ndr) mi ha detto che avevamo vinto. Per me l’Olimpiade è tutto: ho cominciato a correre per questo. Mezz’ora prima della gara mi sono detto che sarebbe stata la gara della mia vita, e che non potevo andar via senza oro. Alla fine erano lacrime di gioia. Mi sono allenato in un parco per un mese. È un miracolo che siamo riusciti a fare tutto questo, e un miracolo non può essere spiegato».

DESALU – «Con la medaglia d’oro della staffetta italiana 4×100 alle Olimpiadi non c’è Lukaku o Ronaldo che tenga. Se stiamo in prima pagina o meno dipende da voi giornalisti».