Connettiti con noi

News

Szczesny o Perin: Allegri ha una convinzione. Cosa dicono i numeri

Pubblicato

su

Szczesny o Perin: Allegri ha una convinzione. Cosa dicono i numeri sul possibile avvicendamento tra i pali della Juventus

La disastrosa performance di Wojciech Szczesny contro l’Udinese ha scatenato un autentico putiferio intorno al portiere polacco che, con i suoi grossolani errori, ha compromesso una partita che la Juventus sembrava destinata a portare a casa. Non è la prima volta che il 31enne finisce nell’occhio del ciclone: l’ultima stagione in particolare – oggettivamente la più negativa da quando Tek veste la maglia della Juve – è stata viziata da alcuni passaggi a vuoto che ne avevano persino messo a repentaglio la posizione all’interno del club. L’arrivo in bianconero di Massimiliano Allegri, storico e profondo estimatore di Szczesny, ha consentito al portiere di strappare la conferma da numero uno, al netto dei numerosi rumors estivi su Donnarumma.

Le due topiche di Udine invitano però a nuove riflessioni. Qualcuno più audace ha persino suggerito un repentino avvicendamento tra i pali: Mattia Perin ora più che mai potrebbe meritare un’occasione da titolare, magari già a partire dalla gara interna contro l’Empoli di sabato sera. Uno scenario possibile? Difficilmente. Allegri è convinto che Szczesny sia tra i migliori tre portieri del globo e sa bene che una sorta di panchina punitiva minerebbe ulteriormente le già poche sicurezze che il polacco ha in questo momento. Sin dal dopo Udinese-Juve il tecnico era stato chiaro: «È un grandissimo portiere, non è una questione tecnica. Bisogna capire il momento, a volte tirare il pallone in tribuna non è vergogna».

Certo, se Szczesny non riuscisse a riprendersi da questo momento di crisi di rendimento, il cambio in porta sarebbe inevitabile. Perin è un portiere che si è sempre dimostrato affidabile, anche nella sua breve effettiva parentesi con la Juve. 9 presenze e 5 clean sheet: in totale 8 reti incassate (una media di una ogni 101 minuti). Score persino migliore della più corposa media di Szczesny arrivato al suo quinto anno di Juve: 12.320 minuti e 126 gol subiti, uno ogni 97 minuti circa.