Connettiti con noi

Hanno Detto

Tebas attacca Guardiola: «Avresti vinto anche senza doping economico?»

Pubblicato

su

Duro botta e risposta andato in scena tra Javier Tebas e Pep Guardiola: ecco cosa si sono detti i due durante il confronto su Twitter

Duro botta e risposta andato in scena su Twitter tra Javier Tebas – presidente de La Liga – e Pep Guardiola. Tutto è iniziato da un’intervista del tecnico a Tv3.cat, durante la quale aveva consigliato a Tebas di studiare la Premier League per risolvere i problemi economici delle società spagnole e dello stesso movimento calcistico in Spagna.

Tebas ha così risposto: «Pep dalla Premier imparo ogni giorno, sarebbe bello se ti insegnassero un po’ di macroeconomia del calcio, gli effetti dei club statali sull’inflazione salariale, la demografia, la penetrazione della pay tv, la Cina…».

Pronta la risposta del tecnico: «Javier. Campionato spagnolo degli ultimi due decenni: Tanti campioni di Barça e Madrid. Così tanti. Finalisti di Champions con Valencia e Atlético. Il Siviglia grande dominatore dell’Europe League e l’ultimo successo del Villarreal. Euro con Luis Aragonés. Mondiali ed Europei con Vicente del Bosque. Messi e Cristiano Ronaldo con noi hanno fatto cose mai viste prima e che non vedremo mai più. Ammirazione e stima da tutto il mondo…ma il problema sono i circoli statali. Non capisco la macroeconomia, o la demografia, o la penetrazione della pay TV, o la Cina. Ecco perché sei tu a dirci perché siamo ancora così lontani dalla Premier League dopo due decenni brutali di calcio spagnolo. In modo che tu possa dircelo e risolverlo».

Tebas ha poi concluso: «Caro Pep, poiché vedo che non segui da vicino l’argomento, ti do alcun dettaglio esplicativo. Come vedi, negli ultimi anni abbiamo accorciato le distanze con la Premier. La Liga vende centralmente i suoi diritti televisivi da soli sette anni, mentre in Premier succede da trenta. Inoltre, il Regno Unito ha venti milioni di abitanti in più della Spagna. Cresciamo ogni anno. I nostri club sono redditizi da sette anni. Bisogna preoccuparsi di più per il City Group, che ha accumulato un miliardo di perdite nelle ultime stagioni. Non sono investitori, sono distruttori di denaro che creano inflazione. Avresti vinto così tanti titoli senza doping economico?».