Tevez-Bentancur: che fine hanno fatto gli altri giovani opzionati dalla Juve

© foto www.imagephotoagency.it

Tevez Bentancur: che fine hanno fatto gli altri giovani opzionati dalla Juve. L’uruguagio non era l’unica contropartita del pacchetto

Nell’estate del 2015 Juventus e Boca Juniors trovarono l’accordo per il ritorno di Carlos Tevez alla Bombonera. Una trattativa travagliata, durata diverse settimane, e alla fine conclusa soltanto grazie all’impegno morale di Andrea Agnelli nei confronti dell’Apache. Il Boca, di fatto, si portò via uno degli attaccanti più devastanti del panorama internazionale (se pur già 31enne) senza spendere un solo centesimo. Nell’ambito dell’operazione furono però inseriti 4 giovani del Boca Juniors. Uno, Guido Vadalà, portato immediatamente a Torino con un prestito oneroso da 3,5 milioni. Gli altri tre, Andrés Cubas, Franco Cristaldo e Rodrigo Bentancur, opzionati per un milione di euro ciascuno.

VADALA’ – Se con Bentancur si può ormai affermare senza timore di smentita che la Juve abbia fatto centro, è interessante scoprire che fine abbiano fatto gli alti talenti “prenotati” dai bianconeri. Dopo una sola stagione con pochi acuti nella Juve Primavera, il classe 1997 Guido Vadalà (attaccante) ha girato vari club sudamericani senza mai lasciare il segno. Attualmente gioca nello Charlotte Independence, club della seconda divisione statunitense, ed ha un valore di mercato (dati Transfermakt) di 400 mila euro.

CUBAS E CRISTALDO – Andrés Cubas (mediano), dopo l’improvvisata esperienza di Pescara – perfettamente fotografata dai soli otto minuti ufficiali – ha trovato la sua dimensione all’Atletico Talleres nella Superliga argentina. Il classe 1996 ha la rispettabile valutazione di 3,2 milioni. Una parabola simile l’ha avuta Franco Cristaldo, duttile centrocampista dell’Instituto di Cordoba, transitato di passaggio nel Vecchio Continente via Rayo Vallecano nella Serie B spagnola. Il quasi 24enne è però tra i tre quello con la valutazione più bassa: soltanto 300 mila euro.