Connettiti con noi

Hanno Detto

Barzagli: «La Juve deve mangiarsi le mani. Ronaldo era infastidito per questo»

Pubblicato

su

Barzagli: «La Juve deve mangiarsi le mani. Le voci hanno infastidito Ronaldo. Dybala deve fare uno step ulteriore»

Nel post partita di DAZN, Andrea Barzagli ha commentato il risultato del match di Udine tra Udinese e Juventus. Di seguito le sue dichiarazioni complete.

PARTITA – «Iniziare bene sarebbe stato fonadamentale, la Juve deve mangiarsi le mani. L’Udinese è sempre stata in partita, diventando più brillante verso la fine. La Juve però ha avuto tante occasioni per poterla vincere, tra potenziali palle gol e rigori».

SZCZESNY – «Sono tornate le incertezze della Juve di Pirlo? Penso di no. Szczesny non voleva buttar via la palla ritrovandosi poi in difficoltà. Lui è un portiere molto bravo con i piedi, ma stavolta doveva buttarla fuori. Tutti si fidano di Szczesny, ma oggi è stata una giornata storta: i suoi due errori hanno pesato sul risultato».

RONALDO – «Lo stacco di Ronaldo è stato imperioso, ma purtroppo irregolare. Cristiano mi è sembrato sereno, è entrato in un momento non facile della gara, ha avuto un’occasione su palla inattiva e stava decidendo il match. Lo dobbiamo vedere più avanti quando partirà da titolare. Le voci di mercato potrebbero averlo infastidito».

ROSA – «La Juve oggi ha dimostrato tutto il suo potenziale con gli ingressi dalla panchina. Quest’anno potrebbe esserci più staffetta tra i giocatori con Allegri».

DYBALA – «Paulo è un ragazzo che ha bisogno di fiducia totale. Ha dimostrato di avere un talento eccezionale. Il prossimo step che deve fare è prendere in mano la Juve ed essere leader. In quel caso passa dall’essere un giocatore talentuoso a un top player».

INTER – «È partita alla grande, contro il Genoa ha giocato una bella partita sotto il piano tecnico. Dzeko rispetto a Lukaku ti permette di uscire con più semplicità dalle zone del campo trafficate. Senza Lautaro i quattro centrocampisti si sono alternati bene. L’Inter riparte con grandi certezze e due giocatori nuovi, Dzeko e Calhanoglu, che contribuiranno alla causa. Lotteranno ancora per lo scudetto insieme a Juve, Napoli e Atalanta».